Ho diritto al risarcimento per mancanza di firma contratto di lavoro determinato?

In data 12 dicembre 2017 contattavo una società di Vigilanza Privata per una eventuale assunzione lavorativa: dopo qualche giorno, e attraverso un colloquio verbale senza firmare nessun contratto e senza ricevere nessuna lettera di assunzione, mi veniva detto che avrei iniziato a lavorare da subito con un contratto a tempo determinato per tre mesi. Uniche firme apposte furono quelle inerenti il ritiro del vestiario, e l'informativa sulla privacy. Agli atti dell'Ufficio del Lavoro risulta solo la comunicazione UNILAV da parte del datore di lavoro. Ho prestato servizio fino al 31 marzo 2018, dopodichè non ho più ricevuto ordini di servizio, ma solo una telefonata in cui mi si diceva che l'appalto era scaduto ed il cliente non lo aveva rinnovato e che quindi potevo ritenermi licenziato. Ho sentito dire che in questi casi, la Legge prevede che il contratto mai firmato,si trasformi in contratto indeterminato o in alternativa al lavoratore và corrisposto un mancato preavviso. Faccio presente di aver ricevuto i cedolini paga sempre con un mese di ritardo, e solo a mezzo e-mail, senza mai firmarli. Premesso che non sono interessato ad una eventuale trasformazione del contratto, vorrei sapere se posso richiedere il risarcimento per mancato preavviso e quanti giorni ho per l'impugnazione. (Partono dal 12 dicembre 2017 o dal 31 marzo 2018?).

Il contratto a termine deve essere stipulato per iscritto e copia dell'atto scritto deve essere consegnato al lavoratore entro 5 giorni lavorativi dall'inizio della prestazione: in caso contrario, il rapporto di lavoro deve essere considerato a tempo indeterminato.

Anche la Corte di Cassazione, con la sentenza 18512/2016, ha stabilito il principio di diritto secondo il quale Il contratto di lavoro a tempo determinato deve essere contestualmente sottoscritto dal lavoratore nel momento in cui ha inizio la prestazione; la scrittura non è necessaria solo quando la durata del rapporto di lavoro, puramente occasionale, non sia superiore a dodici giorni.

Sull'eventualità di una sottoscrizione intervenuta dopo i 5 giorni, la giurisprudenza (Cassazione 18512/2016) ritiene che non possa essere eccepita la mancanza della forma scritta, ponendosi semmai il diverso problema della necessaria contestualità della sottoscrizione del contratto con l'inizio della prestazione lavorativa. Il che, in ogni caso, pur concludendo una condotta sanzionabile per il datore di lavoro, non comporta la trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato.

Vigente un contratto a tempo indeterminato, il datore di lavoro, per poter legittimamente recedere con il licenziamento del lavoratore, deve dimostrare la sussistenza di una giusta causa, di un giustificato motivo oggettivo o di un giustificato motivo soggettivo, ovvero il licenziamento deve avvenire al termine di una procedura per la riduzione del personale.

Ai sensi dell'articolo 2118 del codice civile, in assenza di giustificato motivo, il datore di lavoro deve dare un preavviso, la cui durata è stabilita dal CCNL. Il CCNL di vigilanza, per lavoratori senza anzianità di servizio, dovrebbe prevedere un preavviso di almeno 15 giorni fino ad un massimo di due mesi in relazione al livello di inquadramento (nella fattispecie, non essendoci un contratto scritto, bisogna assumere come termine di preavviso i 15 giorni minimali).

Il datore di lavoro, tuttavia, può corrispondere l'indennità sostitutiva del preavviso, equivalente alla retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore nel periodo di preavviso.

Non è necessario alcun preavviso nel caso in cui il recesso sia dovuto ad una giusta causa. in tal caso è il datore di lavoro ad aver diritto al versamento della indennità sostitutiva del preavviso.

5 maggio 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

lavoro e diritti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratto per la fornitura di energia elettrica attivato con vocal ordering senza l'invio successivo del contratto? » Scatta il risarcimento danni per il consumatore
Scatta il risarcimento danni non patrimoniale per il consumatore a cui sia stato attivato un contratto per la fornitura di energia elettrica con la tecnica del vocal ordering, ma senza il successivo invio del contratto scritto. Cominciamo dicendo che per vocal ordering si intende l'acquisizione del consenso attraverso la registrazione ...
Non basta eccepire che uno dei contraenti era incapace di intendere e di volere al momento della firma per annullare il contratto
Il gravissimo pregiudizio derivante dalla sottoscrizione di un contratto da parte di un soggetto incapace di intendere e di volere emerge solo quale elemento indiziario dell'ulteriore requisito (richiesto per il suo annullamento) della malafede dell'altro contraente, che, a sua volta, consiste nella consapevolezza della menomazione del soggetto incapace. In effetti, ...
Risoluzione del contratto di locazione per inadempienza del conduttore - Il locatore ha diritto anche al risarcimento dei danni
Il danno da mancata riscossione dei canoni futuri per il locatore è compatibile con la richiesta di risoluzione del contratto ed è conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento del conduttore che ha dato luogo alla risoluzione. Infatti, il codice civile (articolo 1453) stabilisce che la parte possa chiedere, a sua scelta, ...
Obbligo e durata del preavviso nel rapporto di lavoro subordinato
Nel rapporto di lavoro dipendente, il preavviso si pone come condizione di legittimità del recesso, la cui inosservanza è sanzionata dall'obbligo di corrispondere da parte del recedente una indennità sostitutiva; pertanto esso non può essere preventivamente escluso dalla volontà delle parti, né essere limitato nella sua durata rispetto a quello ...
Lavoro - Risarcimento del danno per il sacrificio del riposo settimanale
In linea generale il danno da stress, o usura psicofisica, si inscrive nella categoria unitaria del danno non patrimoniale causato da inadempimento del contratto di lavoro e, la sua risarcibilità presuppone la sussistenza di un pregiudizio concreto sofferto dal titolare dell'interesse leso, sul quale grava l'onere della relativa allegazione e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande