Causa Legale

In seguito ad una causa legale mi trovo ad oggi debitore per diverse migliaia di euro.

Al momento sono disoccupato e chiaramente non ho (e non avrò mai) di che far fronte al pagamento.

Le ultime poche cose di valore rimaste le ho già lasciate da tempo a mio figlio che al momento della mia morte chiaramente rinuncerà totalmente all'eredità (trattandosi a questo punto solo debiti).

La mia domanda è questa: io sono separato da mia moglie, non divorziato, nel disgraziato caso in cui dovesse venire a mancare lei prima di me, posso rinunciare alla mia quota della sua eredità lasciando tutto a mio figlio senza rischiare una revocatoria dell'atto di rinuncia da parte del mio debitore?

In caso di risposta negativa, la situazione cambierebbe se fossimo divorziati o se la mia ex moglie non fosse a conoscenza della mia situazione ?

L'eventuale Sua rinuncia all'eredità sarebbe legittima, l'eventuale impugnazione sarebbe un onere dei creditori, e l'esito della stessa sarebbe alquanto incerto.

Oltretutto determinate pratiche legali hanno un costo non giustificabile da poche migliaia di eur di debiti.

In buona sostanza può stare tranquillo.

28 agosto 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Purtroppo Giancarlo, sul suo debito non è invocabile alcuna prescrizione, dato che prima del 31 dicembre 2010 una finanziaria (cui è stato evidentemente ceduto il credito garantito dalla sua fideiussione) le ha chiesto di regolarizzare la sua posizione. Qualsiasi donazione dei beni di proprietà ad opera di un debitore può ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di ...
Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Eredità successione e debiti » Quando il parente debitore muore fuori dall'italia
Cosa succede, secondo le nostre disposizioni normative, quando un parente emigrato muore all'estero? Come va gestita la successione e come potrebbero sapere i successori di eventuali debiti ereditati? Complice la crisi economica, capita sempre più frequentemente che gli italiani decidano di andare a vivere all'estero, costretti, magari, dai debiti con ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca