Rinuncia eredità e morosità nei confronti di ALER

Argomenti correlati:

Mio fratello è deceduto a settembre lasciando debiti nei confronti di Equitalia e Aler: possedeva il 10% di un immobile con rendita catastale molto bassa, abbandonato dal 1987 per mancati accordi fra eredi. I tre figli maggiorenni, senza figli, faranno rinuncia di eredità entro tre mesi dalla data della morte.

Mio marito e io abbiamo avviato la procedura presso il giudice tutelare per la tutela della figlia sedicenne, motivando anche la necessità di rinuncia dell’eredità da parte della minore. Tale procedura richiederà alcuni mesi quindi la nomina di tutore andrà oltre il tre mesi dalla morte del padre. Nel caso di minore è previsto un termine più lungo per la rinuncia?

Io sorella senza figli, zie e cugine con relativi figli maggiorenni, quest’ultimi senza figli, e figli minorenni (quindi parenti fino al VI grado) quando possiamo fare rinuncia di eredità?

A mio fratello è intestato il contratto di affitto ALER dell’immobile dove risiedono i miei nipoti. Ad aprile 2015 mio fratello aveva sottoscritto un piano di rientro con 36 cambiali per il mancato pagamento di canoni di locazione per un totale di € 8.000,00. In caso di subentro di uno dei figli al contratto il debito del padre nei confronti di Aler è trasmissibile ai figli? Si può pagare il debito di un defunto dopo la rinuncia dell’eredità?

Se si è in possesso di beni ereditari la rinuncia all’eredità deve essere presentata entro tre mesi dal decesso (articolo 458 codice civile); se non si è in possesso dei beni ereditari la rinuncia all’eredità può essere presentata fino alla prescrizione del diritto (10 anni).

L’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario consente di distinguere il patrimonio del defunto da quello dell’erede: in questo modo l’erede risponderà di eventuali debiti del defunto soltanto con il patrimonio ereditato. Questa procedura è obbligatoria se l’erede è un minore.

Il subentro in una casa di edilizia pubblica dell’ALER non è regolata da diritti ereditari, ma si tratta di una facoltà riservata a coloro che hanno fatto costantemente parte del nucleo familiare dell’assegnatario defunto. Sarà dunque possibile trasferire il contratto di assegnazione ad uno dei figli di suo fratello deceduto. Naturalmente bisognerà, contestualmente al subentro, saldare il debito a quel momento esistente (anche attraverso una rateazione): come già accennato la rinuncia all’eredità, in un tale contesto, non entra assolutamente in gioco.

28 Ottobre 2015 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia eredità in qualità di tutore di minore
Mio fratello è deceduto nel settembre 2015: i figli maggiorenni hanno fatto rinuncia di eredità nei termini di legge. Sono appena stata nominata tutore della figlia minorenne e dovendo procedere alla rinuncia di eredità per conto di mia nipote, e per mio conto, secondo il giudice tutelare devo depositare un'istanza presso la cancelleria motivando la rinuncia dell'eredità della minore. Mio fratello aveva considerevoli debiti nei confronti di Equitalia e possedeva il 10% di un'immobile con bassa rendita catastale, abbandonato dal 1987 e in pessime condizioni. Per conoscere l'esatto importo del debito dovrei richiedere ad Equitalia un estratto di ruolo presentando ...

Rinuncia eredità e debito per morosità dei canoni di locazione di un alloggio comunale - Ma ci dicono che mia sorella, anche con la rinuncia, resterà obbligata
Mia madre è deceduta lasciando un debito nei confronti dell'amministrazione comunale per canone di locazione e spese condominiali dell'abitazione comunale in cui risiedeva con mia sorella. Io e mia sorella effettueremo la rinuncia a debiti e crediti (non ci sono altri fratelli/sorelle). In comune ci hanno detto che nonostante la rinuncia, il debito lasciato da mia madre ricadrà comunque su mia sorella, che naturalmente ne era all'oscuro. C'è modo di evitare di dover pagare questo debito non suo? ...

Revoca della rinuncia all'eredità
Mia madre rinuncia all'eredità di mia nonna e per rappresentazione accetto io che sono il figlio, mentre mio fratello aspetta ad accettare perché ha dei debiti. Mia madre, se io accetto e mio fratello no, può dopo decidere di revocare la rinuncia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinuncia eredità e morosità nei confronti di ALER