Rinuncia eredità, beni pignorati e tempistiche

E' morto mio padre, che ha una cartella esattoriale pendente presso Equitalia per imposte non pagate (e quindi ereditabili) per circa 60 mila euro.

Mia madre, vedova, possiede qualsiasi bene, inclusa l'abitazione, in maniera esclusiva a seguito del regime di separazione dei beni scelto.

Mio padre lascia soltanto un autoveicolo ed un motociclo pignorati, e nessun altro bene, oltre a 2000 euro sul conto che ho prelevati il giorno successivo al decesso per le spese funebri.

Abbiamo fissato un appuntamento presso la cancelleria del tribunale per la rinuncia all'eredità, ma l'appuntamento è fra 3 mesi (3 mesi dalla morte).

Che cosa può accadere nel frattempo? Siamo aggredibili io o mia madre da Equitalia? L'aver effettuato il prelievo dal conto (Chiuso 3 giorni dopo con comunicazione e restituzione carte e libretti) può intendersi tacita accettazione dell'eredità?

Se il conto corrente era intestato esclusivamente a suo padre, la banca può averle concesso il prelievo solo in qualità di erede per cui lei ha già tacitamente accettato l'eredità ed è obbligato verso Equitalia per i debiti del defunto genitore.

3 marzo 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Miserie umane ed eredità - spese del funerale e crediti alimentari
Padre, madre e fratelli coltelli. Muoiono i genitori, uno dei fratelli paga i funerali, poi si rivolge al tribunale per ottenere dall'altro la metà delle spese sostenute. Secondo il ricorrente, infatti, è pacifico che le spese funerarie siano da ricomprendersi fra i pesi ereditari e, pertanto, il coerede che le ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Eredità successione e debiti » Quando il parente debitore muore fuori dall'italia
Cosa succede, secondo le nostre disposizioni normative, quando un parente emigrato muore all'estero? Come va gestita la successione e come potrebbero sapere i successori di eventuali debiti ereditati? Complice la crisi economica, capita sempre più frequentemente che gli italiani decidano di andare a vivere all'estero, costretti, magari, dai debiti con ...
Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca