La rinuncia all'eredità va fatta mentre i genitori pesantemente indebitati sono ancora in vita? Come si svolge la procedura?

A causa di vari eventi funesti i miei genitori hanno molti debiti: so che alla loro mancanza tali debiti saranno a carico dei figli e vorrei chiedere come ci si può tutelare. La rinuncia all'eredità va fatta mentre sono ancora in vita? come si svolge la procedura?

La rinuncia all'eredità va fatta dopo il decesso del genitore indebitato, prima della presentazione della denuncia di successione.

L'erede che intende rinunciare all'eredità (e quindi ai debiti del defunto) si presenta alla cancelleria del Tribunale territorialmente competente (vale l'ultima residenza del defunto).

Occorrono almeno duecento euro (oltre ad una marca da bollo da 16 euro) per la registrazione dell'atto di rinuncia da effettuarsi contestualmente, tramite modello F23 (se i chiamati all'eredità che rinunciano sono più di uno, la spesa resta la stessa e può essere ripartita).

La rinuncia va effettuata entro tre mesi dalla morte del de cuius se si è nel possesso dei beni (chiamato all'eredità convivente con il defunto) o entro dieci anni se non si è nel possesso dei beni lasciati in eredità.

12 agosto 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
La rinuncia dell'erede debitore ad ottenere la quota di legittima è revocabile su richiesta del creditore
Quando l'erede è un debitore, bisogna sempre tener presente che la rinuncia all'eredità in favore di altri eredi, non debitori, non rappresenta una soluzione al problema. Infatti, i creditori dei chiamati all'eredità che abbiano rinunciato, possono farsi autorizzare dal giudice, entro cinque anni dalla rinuncia, ad accettare l'eredità in nome ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca