Rinuncia all’eredità – Bisogna redarre l’inventario?

Un soggetto che ha dei debiti vuole rinunciare all’eredità della mamma: è nel possesso dei beni della madre, prima della rinuncia deve fare l’inventario altrimenti rischia di considerarsi erede?

Capiamoci bene: se il soggetto debitore vuole rinunciare semplicemente all’eredità deve presentare la dichiarazione espressa di rinuncia entro tre mesi dal decesso, se è in possesso dei beni ereditari. Altrimenti ha dieci anni di tempo per rinunciare espressamente.

Se, invece, il soggetto debitore viole accettare con beneficio di inventario (cioè se intende accettare l’eredità, ma pagare i debiti del defunto solo fino ad un massimo pari al valore dell’eredità accettata) allora, se l’erede è in possesso dei beni ereditati (tutti o alcuni), deve formare l’inventario entro tre mesi dalla data della morte del de cuius. Se l’inventario non è compiuto nei tre mesi, l’erede decade dal beneficio e viene considerato erede puro e semplice con la conseguenza che dovrà farsi carico di tutti gli eventuali debiti del defunto.

Quando l’erede è debitore e il de cuius si presume ragionevolmente che non lo sia, la forma più indicata è la rinuncia pura e semplice (a favore dei figli se esistono, o degli altri coeredi).

14 Maggio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia all'eredità - Bisogna redarre l'inventario?
Capiamoci bene: se il soggetto debitore vuole rinunciare semplicemente all'eredità deve presentare la dichiarazione espressa di rinuncia entro tre mesi dal decesso, se è in possesso dei beni ereditari. Altrimenti ha dieci anni di tempo per rinunciare espressamente. Se, invece, il soggetto debitore viole accettare con beneficio di inventario (cioè se intende accettare l'eredità, ma pagare i debiti del defunto solo fino ad un massimo pari al valore dell'eredità accettata) allora, se l'erede è in possesso dei beni ereditati (tutti o alcuni), deve formare l'inventario entro tre mesi dalla data della morte del de cuius. Se l'inventario non è compiuto ...

Successione e rinuncia all'eredità - Conviene farla nella mia situazione?
Inail reclama la restituzione di una somma corrisposta per la morte di mio padre defunto: mia madre è in vita ed era in regime di comunione dei beni con casa di proprietà, cosa rischia lei? Io figlio, con casa di mia proprietà, cosa rischio? Potrebbe essere conveniente fare rinuncia eredità? Oppure farla dopo la morte di mia madre e nel frattempo mia madre potrebbe fare una donazione della casa a me? ...

Conseguenze di una rinuncia alla successione
Purtroppo mia nonna è venuta a mancare un mese fa ed ora dobbiamo districarci con la sua successione. Mia nonna aveva due figlie, una delle due è appunto mia madre. Mia madre vuole rinunciare alla sua parte di eredità. Dunque la parte a cui mia madre rinuncerebbe, andrebbe a me ed ai miei fratelli, oppure a nostra zia? È possibile redigere un atto notarile nel quale mia madre dichiara di rinunciare alla sua parte in favore di sua sorella? Grazie per la consulenza ed i consigli ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinuncia all’eredità – Bisogna redarre l’inventario?