Devo rinunciare all’eredità di un mio genitore – Se facendo voltura dei contratti di utenza mi chiedono comunque di pagare gli importi a debito lasciati dal de cuius ed io adempio per necessità, rischio di accettare tacitamente?


Il genitore è ancora in vita ma mi sto informando per essere preparata: quando il genitore morirà, verrà fatta dal notaio la rinuncia all’eredità. Essendo unica erede dovrò chiudere le forniture di utenze domestiche, affitto, acqua. Facendo la chiusura e pagando quando dovuto, è possibile che l’atto di rinuncia all’eredità sia nullo?

Con la rinuncia esplicita all’eredità ed effettuando la voltura (non il subentro o la voltura umana) dei contratti di fornitura di energia intestati al genitore defunto, qualora le richiedessero comunque di saldare i debiti lasciati dal precedente intestatario (può accadere, quando il nuovo intestatario appartiene al medesimo nucleo familiare del precedente) non rischia l’accettazione tacita dell’eredità.

Infatti, la giurisprudenza consolidata considera comportamenti che presuppongono accettazione tacita dell’eredità solo il pagamento da parte del chiamato dei debiti ereditari effettuato con denaro dell’eredità.

L’importante è non effettuare la cosiddetta voltura umana, cioè la voltura di un contratto di utenza intestato ad un familiare deceduto: si pagano comunque le bollette lasciate in sospeso dal defunto, ma si risparmia sui costi (e non bisogna attendere i tempi di attivazione della fornitura). Per contro, per fruire del beneficio, si deve esplicitamente dichiarare di essere erede del precedente intestatario.

23 Febbraio 2018 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Devo rinunciare all’eredità di un mio genitore – Se facendo voltura dei contratti di utenza mi chiedono comunque di pagare gli importi a debito lasciati dal de cuius ed io adempio per necessità, rischio di accettare tacitamente?