Devo rinunciare all'eredità di un mio genitore - Se facendo voltura dei contratti di utenza mi chiedono comunque di pagare gli importi a debito lasciati dal de cuius ed io adempio per necessità, rischio di accettare tacitamente?

Il genitore è ancora in vita ma mi sto informando per essere preparata: quando il genitore morirà, verrà fatta dal notaio la rinuncia all'eredità. Essendo unica erede dovrò chiudere le forniture di utenze domestiche, affitto, acqua. Facendo la chiusura e pagando quando dovuto, è possibile che l'atto di rinuncia all'eredità sia nullo?

Con la rinuncia esplicita all'eredità ed effettuando la voltura (non il subentro o la voltura umana) dei contratti di fornitura di energia intestati al genitore defunto, qualora le richiedessero comunque di saldare i debiti lasciati dal precedente intestatario (può accadere, quando il nuovo intestatario appartiene al medesimo nucleo familiare del precedente) non rischia l'accettazione tacita dell'eredità.

Infatti, la giurisprudenza consolidata considera comportamenti che presuppongono accettazione tacita dell'eredità solo il pagamento da parte del chiamato dei debiti ereditari effettuato con denaro dell'eredità.

L'importante è non effettuare la cosiddetta voltura umana, cioè la voltura di un contratto di utenza intestato ad un familiare deceduto: si pagano comunque le bollette lasciate in sospeso dal defunto, ma si risparmia sui costi (e non bisogna attendere i tempi di attivazione della fornitura). Per contro, per fruire del beneficio, si deve esplicitamente dichiarare di essere erede del precedente intestatario.

23 febbraio 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Cartella esattoriale per iva » Annullata se si rinuncia all'eredità
La rinuncia all'eredità salva dalla cartella esattoriale per il pagamento dell'Iva e delle sanzioni. Non deve versare l'Iva e le sanzioni il contribuente che ha ricevuto la cartella esattoriale se ha fatto la rinuncia all'eredità e anche quando ha già ricevuto un valido accertamento. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande