Rinuncia ad eredità del proprio genitore – L’arredo della casa in cui è avvenuto il decesso rientra nella successione?

In caso di decesso di un genitore convivente con il figlio (contratto di affitto intestato esclusivamente al figlio) i mobili presenti nell’appartamento costituiscono eredità? In caso di rinuncia come tutelarsi?

Se esistono documenti che possano essere esibiti da terzi (creditori o altri chiamati all’eredità) e che attestino la proprietà del defunto circa specifici beni presenti nell’appartamento in cui è avvenuto il decesso, tali beni rientrano nella successione ereditaria. Il convivente chiamato all’eredità, titolare del contratto di locazione, che voglia esercitare il diritto di rinuncia deve, in tale ipotesi, fare l’inventario dei beni di proprietà del defunto entro tre mesi dal giorno dell’apertura della successione.

Compiuto l’inventario, ai sensi di quanto disposto all’articolo 485 del codice civile, il chiamato che non abbia ancora accettato con beneficio d’inventario, ha un ulteriore termine di quaranta giorni per decidere se accetta o rinunzia all’eredità. Trascorso questo termine senza che abbia deliberato, egli è considerato erede puro e semplice (accettazione tacita dell’eredità).

Se nessun chiamato all’eredità e nessun creditore è in grado di dimostrare la proprietà in capo al defunto dei beni presenti nella casa dove questi viveva, allora non è necessario predisporre l’inventario e la rinuncia all’eredità può essere effettuata nel termine di legge decennale.

26 Aprile 2018 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia eredità del genitore debitore defunto
Nell'anno 2001 si acquisisce a seguito successione quota di un immobile ereditato da un genitore defunto. Nell'anno 2015 a seguito di decesso dell'altro genitore e a causa della presenza di debiti si vorrebbe rinunciare all'eredita (i chiamati all'eredità sono 3 fratelli di cui due rifiuterebbero e uno accetterebbe). Rinunciando all'eredità ci tuteleremmo dai creditori del defunto (equitalia/banca?) Qualora l'immobile di cui una quota già in possesso a seguito di successione del 2001 e oggetto di rinuncia per quanto riguarda la quota ereditata dal 2° genitore defunto volesse essere alienato sarebbe possibile senza dover incorrere in qualche accettazione tacita? ...

Successione e rinuncia all'eredità - Conviene farla nella mia situazione?
Inail reclama la restituzione di una somma corrisposta per la morte di mio padre defunto: mia madre è in vita ed era in regime di comunione dei beni con casa di proprietà, cosa rischia lei? Io figlio, con casa di mia proprietà, cosa rischio? Potrebbe essere conveniente fare rinuncia eredità? Oppure farla dopo la morte di mia madre e nel frattempo mia madre potrebbe fare una donazione della casa a me? ...

Accettazione surrogata dell'eredità da parte del creditore a fronte della rinuncia del debitore - Come il creditore può costringere il proprio debitore ad accettare o rinunciare all'eredità a cui è chiamato
Ho contratto dei debiti con dei privati e da poco è venuta a mancare mia madre che ha lasciato l'appartamento di famiglia a me e i mie fratelli, se rinunciassi all'eredità il creditore potrebbe impugnare tale rinuncia, se accettassi l'eredità sarei aggredibile direttamente. Sono dunque rimasto inerte dopo aver fatto la sola dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate nei termini e per non incorrere in sanzioni. Potrebbe il mio creditore accettare l'eredità in mia vece, ai sensi dell'art. 2900 del codice civile ,in quanto i presupposti per la surroga previsti dal codice civile sono l'inerzia del debitore nell'esercitare diritti di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinuncia ad eredità del proprio genitore – L’arredo della casa in cui è avvenuto il decesso rientra nella successione?