Rinuncia a eredità di un amministratore fallito due volte

Domanda di tamara165
11 agosto 2014 at 15:13

Se l'amministratore di una srl vanta un grosso debito (dell'ordine di oltre 200mila euro) nei confronti di Equitalia per contributi e Iva non versati e ha rinunciato a due eredità appena prima e nel corso dei fallimenti, può Equitalia disporre di impugnare le sue rinunce?

Risposta di Simonetta Folliero
11 agosto 2014 at 16:09

I creditori dei chiamati all'eredità che abbiano rinunciato, possono farsi autorizzare dal giudice, entro 5 anni dalla rinuncia alla eredità , ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore, al solo scopo di soddisfarsi sui beni del debitore e fino a concorrenza dei crediti vantati.

Il chiamato debitore non acquisisce la qualità di erede perché questa non può essere attribuita contro la volontà di costui, ma cionondimeno, i creditori potranno soddisfarsi sui beni del debitore visto che saranno costoro ad accettare l'eredità in sostituzione del debitore chiamato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum - cliccare sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca