Rimborso di un fornitore rimasto in sospeso - Come evitare un decreto ingiuntivo?

Sono socio amministratore di una sas (con due soci): a settembre del 2016 ci è stato notificato un decreto ingiuntivo per un debito presso un fornitore, per 2700 euro. Chiamai subito l'avvocato del fornitore per pianificare il rientro e mi fu accordato una rateizzazione in 8 rate mensili. Abbiamo pagato le prime 3 rate e poi per problemi economici più nulla. E' passato un anno e mezzo dalla terza rata pagata. Che cosa succede ora? Cosa mi devo aspettare? Come posso rallentare il tutto. Posso rimodulare il rientro? Né l'avvocato ne il fornitore si sono fatti vivi finora.

Se dopo la sospensione del piano di rientro concordato con il legale del creditore non è pervenuta alcuna comunicazione formale di messa in mora o di cessione del credito, la cosa più normale da fare, per evitare eventuali futuri strascichi giudiziali, è riprendere i pagamenti con le modalità già pattuite.

Avvisare il creditore e/o il suo legale dell'avvenuta ripresa dei pagamenti sarà, inoltre, cosa buona e giusta oltre che sicuramente gradita dalla controparte.

10 novembre 2018 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esclusiva per la concessione di credito al consumo ai clienti e inadempimento del fornitore
Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi, l'inadempimento del ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - la finanziaria deve rimborsare il consumatore
Nei finanziamenti collegati al consumo, nel caso di grave inadempimento del fornitore di beni e servizi, il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore ...
Effetti dell'inadempimento del fornitore di beni e servizi sul contratto di credito collegato - Sussistono anche se acquirente e debitore sono soggetti diversi
La concessione di un finanziamento per la fornitura di un bene o di un servizio individuati esplicitamente nel contratto di credito, attuata attraverso il pagamento diretto del fornitore da parte del creditore, dà vita ad un collegamento negoziale tra il contratto di credito e quello di fornitura, a nulla rilevando ...
Canone RAI in bolletta elettrica - Rischio incombente di doppio addebito del tributo
La legge prevede che per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica, il pagamento del canone avviene in dieci rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall'impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate. Le rate, ai fini dell'inserimento in fattura, s'intendono scadute il primo giorno ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca