Rientrare in possesso dell'appartamento assegnato alla convivente del figlio affidataria dei nipoti? Missione impossibile

Io e mio marito abbiamo ceduto al figlio la casa (due appartamenti) per evitare pignoramento banca (conseguente fideiussione): in uno abita il figlio con famiglia (tre figli) e convivente (nell'altro noi, in comodato gratuito).

L'imbecille decide di separarsi dalla convivente (more uxorio) e glielo comunica anche !!!.
Lei ovviamente chiede la casa coniugale oltre il resto (ancora in fase preliminare informale) . hanno terreno edificabile cointestato .

Vorremmo reintestarci la casa (lo avremmo comunque fatto il 21/05/2018 termine prescrizione azione revocatoria) per :
1) dare sfratto
2) almeno recuperare importo locazione

E' possibile almeno una delle due soluzioni ?
Abbiamo lavorato una vita per la nostra casa, viviamo con misera pensione minima, rischiamo di vedere convivente abitare a vita, gratis, in uno dei nostri appartamenti (nell'altro abitiamo noi), siamo pieni di debiti per aiutare il figlio e sua famiglia .

Se non ricorrono le due soluzioni, di cui sopra, cosa è possibile fare per recuperare almeno una parte di reddito derivante dall'abitazione ?
E' possibile dare sfratto ad entrambi o al convivente, quando userà l'appartamento in casa coniugale?

La signora, con i tre figli che avrà in affidamento sta in una botte di ferro: l'unica è vendere ad un terzo (la vendita endofamiliare sarebbe sicuramente oggetto di domanda di revocazione) per conservare, in un futuro a medio-lungo termine, qualche spazio di manovra.

Infatti, il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al soggetto affidatario dei figli, avendo per definizione data certa, è opponibile, ancorché non trascritto, al terzo acquirente in data successiva per nove anni dalla data dell'assegnazione, ovvero, ma solo ove il titolo sia stato in precedenza trascritto, anche oltre i nove anni.

Tale opponibilità (al terzo acquirente) conserva, il suo valore finché perduri l'efficacia della pronuncia giudiziale, costituente il titolo in forza del quale il convivente, che non sia titolare di un diritto reale o personale di godimento dell'immobile, acquisisce il diritto di occuparlo, in quanto affidatario di figli minori o convivente con figli maggiorenni non economicamente autosufficienti.

15 dicembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegnazione casa familiare
convivenza di fatto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno divorzile: cosa accade quando il coniuge divorziato forma una nuova famiglia, anche di fatto » Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne non convivente
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Il relativo diritto non ...
Separazione » Revoca della casa familiare se ex moglie si trasferisce al mare con il figlio
Separazione: sì alla revoca della casa familiare in città se l'ex moglie si trasferisce al mare con il figlio. È legittima la revoca della casa familiare, in città, se la moglie si trasferisce volontariamente al mare con il figlio convivente. Infatti, la conservazione dell'appartamento principale, quale habitat domestico, deve avere ...
Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...
DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande