Ricorso per Vizio sull’indicazione della norma indicata nel verbale

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Argomenti correlati:

Buongiorno, sono il titolare di un Diving Center e vorrei capire se può esserci una soluzione per me positiva, presentando un ricorso a un verbale di accertamento di trasgressione alle leggi marittime, accertato dalla Legione Carabinieri, nel quale viene indicata in maniera errata la norma violata.
Ho letto nei precedenti post che in alcuni casi in cui ci sia un vizio di forma, l’autorità potrebbe semplicemente emettere un nuovo verbale correggendo il precedente vizio.

Per far capire meglio il mio caso, nel verbale viene indicata come norma violata l’Ordinanza nr. 09/2001 della Capitaneria di Porto mentre in realtà l’ordinanza a cui si sarebbero dovuti riferire gli accertatori è la nr. 09/2011.

Inoltre nel verbale non vengono indicate ne la zona di mare in cui è stato effettuato il controllo ne i dati dell’imbarcazione di mia proprietà ma viene espressamente citato soltanto ” … nel corso di controllo al Diving a margine descritto …” riferendosi ai dati e all’indirizzo della sede della mia società, mentre appunto il controllo è avvenuto in contemporanea sia a terra (presso un chiosco montato sul lungo mare e non presso l’indirizzo della sede della società riportato sul verbale) sia in mare a circa 5 miglia dalla costa (cosa che appunto non viene espressamente menzionata nel verbale di accertamento).

Vi ringrazio anticipatamente.

Alessandro

Non siamo in grado di dare una risposta quantomeno affidabile al suo quesito. Mi spiace.

4 Ottobre 2011 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La proposizione del ricorso tempestivo a sanzione amministrativa sana la nullità della notifica del verbale
In materia di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, la proposizione di tempestiva e rituale opposizione ex art. 22 della legge 689/1981, sana la nullità della notifica del verbale di accertamento, rendendo irrilevante la nullità nel caso di raggiungimento dello scopo. Ciò che conta è che non siano decorsi i termini di decadenza per la notifica e che il ricorrente abbia avuto piena conoscenza ed abbia potuto adeguatamente difendersi nel merito, senza eventuale pregiudizio per il ritardo con cui egli è entrato in possesso del verbale in questione, potendo quest’ultimo aspetto rilevare ai soli fini dell'incidenza dell'eventuale limitato ...

Rigetto del ricorso al verbale di accertamento per violazione del Codice della strada - Non tutto è perduto
Succede che ci venga comminata una sanzione amministrativa per infrazione al Codice della strada, che si impugni il verbale nei termini previsti innanzi al Giudice di Pace e che quest'ultimo rigetti il ricorso. Le domande. Può la Pubblica Amministrazione, a seguito del rigetto del ricorso, notificare una cartella esattoriale basata sul verbale di accertamento e non sulla sentenza di rigetto? Può la Pubblica Amministrazione, a seguito del rigetto del ricorso, pretendere con la cartella esattoriale il versamento della metà del massimo edittale (invece del minimo edittale) previsto per la sanzione amministrativa, come se questa fosse stata semplicemente non pagata e ...