Ricorso tributario per eccepire la prescrizione delle cartelle esattoriali - Va fatto?

Mi sono recata dall'avvocato perché ho scoperto di avere parecchie cartelle prescritte, 10. Tutte risalenti a 15/10 anni fa. Lui ha detto che nella sue esperienza cartelle così vecchie sono prescritte senza atti interruttivi. Tanto è vero che non è arrivato nulla in tutti questi anni.

Una cosa mi è sembrata strana. Vuole fare ricorso per eccepire la prescrizione. Vuole per ogni cartella le spese di 100 euro di contributo (per i tributi e 200 per le multe al giudice di pace. Senza contare il suo onorario. Il totale delle cartelle è 8000 euro circa.

È esatto quel che vuole fare?

Per dichiarare l'intervenuta prescrizione di un credito devono essere d'accordo le due parti (il creditore ed il debitore) oppure deve essere coinvolto, dal debitore, un giudice terzo che sancisca l'inesigibilità del credito per intervenuta prescrizione.

Senza, ovviamente, entrare nel merito delle strategie stabilite dal professionista a cui lei si è rivolta e/o sindacare l'importo richiesto per rendere la prestazione, quello che lei può fare è esperire un tentativo di ricorso amministrativo in autotutela, in base al quale presenta un'istanza al creditore chiedendogli di riconoscere prescritte quelle determinate cartelle esattoriali ed avvertendo che, in caso di diniego dell'istanza, si rivolgerà al giudice tributario.

Infatti, il ricorso tributario, non innescato da un atto esecutivo o cautelare successivo alla notifica della cartella esattoriale, è ammissibile solo quando la cartella esattoriale non sia stata validamente notificata e della quale il contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l'estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario. (Cassazione, riuniti in sessione plenaria, nella sentenza 19704/2015).

Insomma, per poter impugnare una cartella esattoriale, eccependone la prescrizione, il suo avvocato deve essere certo che la controparte non possa opporre una valida relata di notifica per quella specifica cartella esattoriale. La ratio sta nel preservare l'economia processuale e limitare il numero di ricorsi ammissibili: inutile impugnare giudizialmente una cartella esattoriale per la quale il concessionario potrebbe anche aver deciso di non procedere esecutivamente, riconoscendone l'intervenuta prescrizione.

10 maggio 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Come funziona la prescrizione delle cartelle esattoriali originate da sanzioni amministrative
Tutte le cartelle esattoriali notificate da Equitalia sono soggette alla prescrizione, ovvero all'estinzione a seguito dell'inerzia dell'agente di riscossione, protratta per il numero di anni stabiliti dalla legge. Questi atti, di conseguenza, non devono essere pagati. La disciplina della prescrizione in discorso è, tuttavia, diversa a seconda che si riferisca ...
Cartelle esattoriali originate da multe » Si al ricorso per sollecito di pagamento
Chiunque riceva solleciti di pagamento per cartelle esattoriali originate da multe per il codice della strada non pagate può ancora presentare ricorso presso il giudice di pace e sperare nell'annullamento dell'intero debito maturato verso la pubblica amministrazione. Il ricorso, infatti, può essere proposto non solo nei confronti della cartella di ...
Cartelle esattoriali di equitalia e prescrizione debiti esattoriali » Tutto ciò che il contribuente deve conoscere
Nel caso in cui Equitalia vi abbia notificato una o più cartelle esattoriali per debiti pregressi, come verificare che, trattandosi di vecchi tributi, il credito nei vostri confronti sia ancora da onorare o sia scaduto? Facciamo chiarezza all'interno dell'articolo. Per stabilire se si devono pagare i debiti con Equitalia di ...
Multe » I ricorsi sono sempre più cari
Multe, i ricorsi sono sempre più cari: più impervia la strada del contenzioso. Per chi vuole difendersi dalle multe, proponendo ricorso al giudice di pace, è bene, di questi tempi, valutare attentamente i costi della causa anche alla luce del nuovo aumento del contributo unificato, il quale, per la sanzioni ...
Revirement in Corte di cassazione - Quinquennale la prescrizione delle cartelle esattoriali per debiti erariali
Il diritto alla riscossione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per la violazione di norme tributarie, derivante da sentenza passata in giudicato, si prescrive entro il termine di dieci anni, mentre, se la definitività della sanzione non deriva da un provvedimento giurisdizionale irrevocabile vale il termine di prescrizione di cinque anni, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca