Richiesta residenza studentessa extraue con reddito inferiore a 7000 €

Sono una studentessa albanese, iscritta all'ultimo anno di università a Milano.  Non ho mai avuto una residenza in Italia ma solo dichiarazioni di ospitalità,  quindi risulto tutt'ora nello stato di famiglia dei miei genitori.

Da qualche giorno mi sono trasferita nella casa dove abita mio cugino (è lui intestatario del contratto d'affitto) e vorrei iscrivermi all'anagrafe chiedendo la residenza lì. Tutto questo è possibile, anche se io non ho un contratto d'affitto a nome mio?

Il fatto che quest'anno non abbia prodotto redditi maggiori di 7000 euro comporta un problema? So che sarebbe un problema per l'università e la fascia di reddito, ma questo ormai non importa in quanto quest'anno prendo la laurea.

Un'ultima domanda, nel caso ottenessi la residenza nella stessa casa dove abita mio cugino,  i nostri redditi dovrebbero sommarsi?

 

Certamente è possibile prendere la residenza dovunque chi ospita sia d'accordo a tenerla in casa, anche se estraneo.

Nel caso di suo cugino, questa la differenza, essendo presenti vincoli di parentela sarete obbligati a formare un'unica famiglia anagrafica (stato di famiglia) e di conseguenza entrambi farete parte dello stesso nucleo familiare.

Cosa comporta questo? Ogni volta che uno dei due vorrà accedere a benefici sociali per i quali sia prevista la produzione dell'ISEE, i redditi del nucleo familiare verranno calcolati sommando i suoi e quelli di suo cugino.

30 aprile 2012 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - Detrazione per affitti a canone non convenzionato
È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale ...
Agevolazione fiscale prima casa » Non perde i benefici il cittadino che si deve trasferire all'estero per ragioni di lavoro
L'agevolazione fiscale per la prima casa resta valida anche se non si abita nell'immobile: chi risiede all'estero, infatti, non perde il beneficio se vende e ricompra l'abitazione. Non decade dall'agevolazione prima casa il contribuente che venda la casa prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto e ne compri ...
Irpef - Detrarre le spese di affitto per gli studenti universitari
Anche il contratto di locazione stipulato dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un Comune diverso da quello di residenza permette di fruire di un'agevolazione fiscale. In particolare, la detrazione spetta nella misura del 19%, calcolabile su un importo non superiore a 2.633 euro. ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...
Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata
Il pignoramento mobiliare presso la residenza del debitore, è difficilmente utilizzato da equitalia: vediamo i motivi. Coloro che vivono in un immobile in regime di affitto in comodato, e non possiedono altro che non i beni mobili che arredano l'appartamento, hanno poco da temere nei confronti di Equitalia. Ciò, perché, ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca