Richiesta fatture atto di successione - Il notaio deve aver combinato un pasticcio

Nel 2013 Il notaio ha stipulato un atto di successione: l'Agenzia delle Entrate (AdE) dopo tanto tempo mi ha multato perché non risultano le tasse dovute che io ho pagato a suo tempo al Notaio.

Di recente ho chiesto alla segretaria del notaio la copia delle fatture, la quale mi ha risposto che il Notaio è andato in pensione e che non può soddisfare la mia richiesta. Come devo comportarmi e a chi posso chiedere le copie delle fatture?

La normativa vigente prevede la registrazione telematica obbligatoria per gli adempimenti relativi a tutti gli atti ricevuti o autenticati dai notai con previsione di trasmissione per via telematica di tutte le richieste di registrazione, le note di trascrizione e di iscrizione nonché delle domande di annotazione e di voltura catastale è infatti foriera di una mutazione del meccanismo applicativo del tributo essendo oggi prescritto che la registrazione sia preceduta dal pagamento del tributo, autoliquidato dal notaio stesso.

In particolare la disposizione prevede che le formalità sono eseguite previo pagamento dei tributi dovuti in base ad autoliquidazione. Successivamente a tale presentazione gli uffici controllano la regolarità dell'autoliquidazione e del versamento delle imposte e qualora, sulla base degli elementi desumibili dall'atto, risulti dovuta una maggiore imposta, notificano, anche per via telematica, entro il termine di 60 giorni dalla presentazione del modello unico informatico, apposito avviso di liquidazione per l'integrazione dell'imposta versata.

Il pagamento è effettuato, da parte dei notai, entro 15 giorni dalla data della suindicata notifica; trascorso tale termine, sono dovuti gli interessi moratori e si applica la sanzione di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 471/1997, per la quale c'è responsabilità solidale fra cliente/contribuente e notaio.

Nel caso di dolo o colpa grave nell'autoliquidazione delle imposte, gli uffici segnalano le irregolarità all'ordine notarile per l'adozione dei conseguenti provvedimenti disciplinari.

Accedendo agli atti presso l'Agenzia delle Entrate potrà prendere visione dell'avviso di accertamento (qualora non avesse conservato la copia notificatale) sotteso alla sanzione e non avrà bisogno delle fatture rilasciate a suo tempo dal notaio per intraprendere nei confronti del professionista inadempiente (ritardatario) una eventuale azione giudiziale per risarcimento danni.

9 marzo 2019 · Lilla De Angelis

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca