Richiesta chiarimenti al dott.Giorgio Martini

Io ancora non ho ricevuto nessuna richiesta scritta di sollecito di pagamento,nè raccomandate varie,nè ingiunzioni.Niente di tutto ciò .Solo un paio di telefonate di sollecito dalla Finanziaria stessa.Sono solo in ritardo di due rate mensili,quindi al momento sono solo un "Pagatore in ritardo" fra qualche mese diventerò un "Cattivo Pagatore) Siamo a maggio 2012.

Ho consultato un ufficiale giudiziario(Mio conoscente) Il quale mi ha detto che se all'atto del pignoramento (quando e se ci sarà ) dei beni mobili,il debitore può dimostrare (con fattura o altri titoli) che quei beni non gli appartengono,egli non può pignorarli.Tuttavia Lei mi dice: (riporto sue testuali parole) "Mi sembra evidente qualche nota stonata. Di triangolazioni, simulazioni e/o elusioni ciascuno nè può, naturalmente, mettere in atto quante ne vuole, assumendosene, in modo consapevole, le eventuali responsabilità e conseguenze civili e penali. Ma almeno, siano congegnate con un pizzico di fantasia in più"

Le chiedo:La triangolazione,la simulazione,o l'elusione e relativa responsabilità personale,la si potrebbe contestare nel momento in cui il debitore inadempiente è già stato dichiarato tale anche solo a mezzo semplice telefonata? O deve essere dichiarato tale con precetto? La fotocopia dell'assegno circolare è una prova di acquisto valida per evitare il pignoramento?

Se siamo quì e per ricevere qualche utile dritta, oltre al pizzico di fantasia,che lei mi suggerisce,e che io non intravedo,vorrei una risposta più reale e fattibile. Al momento sono ancora un debitore non compromesso.In attesa di un suo gentile cenno di riscontro le porgo Cordialissimi saluti

Siamo in linea con quanto asserisce l'ufficiale giudiziario. Ovviamente.

Il terzo che si dichiara proprietario del bene mobile pignorato in casa del debitore, o altrove, deve esibire una prova. Io eviterei che quel documento fosse qualcosa che afferisse al debitore, in qualsiasi modo. I creditori non sono sempre soggetti passivi, assenti o inerti nel corso della procedura di pignoramento.

I beni immobili vanno venduti a terzi, a prezzo di mercato ed il terzo deve eleggere il bene acquisito ad abitazione principale. L'unico modo per tutelare l'immobile ed evitare al terzo (con conseguenze immaginabili) il pignoramento del bene su istanza dei creditori di colui che vende.

Il punto è proprio quello che lei cita e che spesso fa sorgere equivoci. Noi non siamo in grado di dare dritte, non siamo un pool di furbetti. Il compito che ci siamo assegnati è rendere consapevole il debitore che, spesso, purtroppo, non esistono scorciatoie. E che, per salvare il salvabile non si può non pagare pegno e bisogna avere il coraggio di assumere, per tempo, decisioni dolorose.

6 maggio 2012 · Giorgio Martini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Morosità per fornitura gas » Chiarimenti e tutela del consumatore
Obiettivo di quest'articolo è spiegare al consumatore tutte le problematiche legate alla morosità della fornitura del gas, ovvero quando si omette o si ritarda il pagamento di una bolletta legata al consumo, appunto, del gas. Chiariremo, inoltre, come tutelarsi nei caso di sospensione ingiusta dell'utenza e come ottenere indennizzi per ...
Quote condominiali - L'amministratore non può inviare il sollecito di pagamento al datore di lavoro del condomino moroso
L'Autorità per la protezione dei dati personali ha dichiarato illecito il trattamento effettuato da un amministratore che aveva inviato un sollecito di pagamento al datore di lavoro di un condomino in ritardo con il saldo di alcune rate, anziché a lui personalmente. Il sollecito di pagamento delle rate condominiali arretrate, ...
Fondo patrimoniale e fideiussione prestata a favore di uno dei coniugi
In giurisprudenza è consolidato il principio secondo cui, con riguardo alla posizione del fideiussore, l'acquisto della qualità del debitore nei confronti del creditore risale al momento della nascita stessa del credito, e non anche a quello della scadenza dell'obbligazione del debitore principale. Ne deriva che è a tale momento che ...
La rinuncia dell'erede debitore ad ottenere la quota di legittima è revocabile su richiesta del creditore
Quando l'erede è un debitore, bisogna sempre tener presente che la rinuncia all'eredità in favore di altri eredi, non debitori, non rappresenta una soluzione al problema. Infatti, i creditori dei chiamati all'eredità che abbiano rinunciato, possono farsi autorizzare dal giudice, entro cinque anni dalla rinuncia, ad accettare l'eredità in nome ...
La finanziaria creditrice è obbligata, su istanza del debitore, ad informarlo entro 15 giorni circa eventuali segnalazioni inoltrate alle Centrali Rischi
Per quanto attiene l'obbligo di  informativa della finanziaria che eroga il credito, è intervenuta una interessante sentenza della Corte di Cassazione (la numero 349 del  9 gennaio 2013). I giudici, chiamati a decidere sul caso di un soggetto che si era visto rifiutare il riscontro circa l'esistenza di eventuali segnalazioni di ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca