Ricevimento posta per debitore senza fissa dimora

Siccome a causa dei debiti sono dovuto andare ad abitare in camper, ho chiesto ed ottenuto dal comune l'iscrizione come senza fissa dimora in una via inventata. Ora sono a chiedere come faccio a ricevere eventuali raccomandate oppure cartelle di Equitalia dato che in quella via non c'è nessuno per ricevere posta.

Quando un creditore, come Equitalia, ha bisogno di comunicare con il debitore, deve necessariamente interrogare l'archivio anagrafico per conoscere il luogo ove notificare gli atti.

Nel momento in cui vien fuori l'indirizzo virtuale riservato ai senza fissa dimora, il creditore non può fare altro che notificare la cartella esattoriale (o un avviso di accertamento, un decreto ingiuntivo, un precetto) a quel recapito.

Tutto questo per dire che assegnare un indirizzo anagrafico virtuale al senza fissa dimora non è assolutamente sufficiente: il Comune dovrebbe organizzare, per quell'indirizzo virtuale, anche un ufficio per lo smistamento della posta (meglio se la residenza del senza fissa dimora corrispondesse ad un indirizzo reale dove è ubicato l'ufficio): l'addetto non potrebbe, naturalmente, sostituirsi al destinatario nel perfezionamento della notifica degli atti ricevuti, ma potrebbe conservare le cartoline di avviso di giacenza (presso l'ufficio postale o la casa comunale) che consentirebbero successivamente al senza fissa dimora di ritirare l'atto a lui destinato.

Ma, evidentemente, per i senza fissa dimora non sono previsti fondi europei simili a quelli stanziati, invece, per l'accoglienza agli immigrati.

30 marzo 2016 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Tempi di conservazione dell'avviso di ricevimento delle raccomandate
Equitalia ha l'onere di conservare l'avviso di ricevimento delle raccomandate a/r spedite al contribuente per cinque anni. La conservazione della matrice dell'avviso di ricevimento della raccomandata presso gli uffici, infatti, è funzionale sia al diritto di accesso agli atti presentato dal contribuente, sia all'eventuale produzione in giudizio, in caso di ...
La posta non ti viene recapitata? » E' reato
Da sempre, ma negli ultimi tempi in particolare, Poste Italiane ha di fatto, attraverso costanti tagli alle risorse umane riferite ai portalettere, tranciato il servizio di recapito della posta. Per chi non lo sapesse, nel Centro smistamento posta di Fiumicino, che si occupa della posta da smistare nella Capitale, giacciono ...
Equitalia e cartelle notificate a mezzo posta » Per i giudici di merito non sono valide
Non è valida la cartella esattoriale di Equitalia notificata per mezzo di posta raccomandata: la Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso, con la decisione che analizzeremo, va in controtendenza rispetto alle pronunce della Cassazione e aumenta il numero di precedenti a favore del contribuente. Sembra non finire mai l'aspra lotta tra ...
Atto trasmesso tramite servizio di posta privata - La notifica è nulla ed in ogni caso si perfeziona con la data di consegna del plico al destinatario
Il decreto legislativo 261/1999 (articoli 1 e 4) esclude che i servizi inerenti le notifiche postali di verbali di infrazione al Codice della strada, di cartelle esattoriali e, in genere, di atti giudiziari e sanzioni amministrative, possano essere affidati a soggetti diversi da Poste Italiane. Qualora l'atto venga trasmesso al ...
Cartelle esattoriali notificate tramite posta elettronica certificata (Pec) » Scopriamo come funziona
A partire dal 1 giugno 2016 sussiste la possibilità di vedersi notificata, per chi ne abbia disponibilità, una o più cartelle esattoriali tramite posta elettronica certificata (PEC): scopriamo come funziona nel prosieguo dell'articolo. Come già ampiamente esplicato nel nostro blog, ignorare una cartella esattoriale o far finta di non aver ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca