Può il creditore revocare delle donazioni in denaro disposte dal debitore con bonifici dal conto corrente?

Chiedo gentilmente quali azioni potrebbe intraprendere il creditore per individuare, con l’accesso alla anagrafica tributaria e/o con altri strumenti giuridici, non solo l’istituto bancario dove si trova il conto corrente di un privato cittadino che in quanto debitore si è spogliato di tutto ma rilevare anche i trasferimenti di denaro per i quali potrebbe agire in revocatoria – come ad esempio per bonifici effettuati a favore di parenti o verso terzi. In questa circostanza è improbabile che il debitore informi di sua iniziativa il creditore.

Il movimento di denaro potrebbe risultare inizialmente anche solo da differenze di saldo di conto corrente da periodo a periodo oppure, nel caso di conto estero, potrebbe trovare riscontro dai valori indicati in dichiarazione dei redditi nel modello RW.

Si parla di azione revocatoria ordinaria di atti del debitore, con esclusivo riferimento ad atti di trasferimento della proprietà di beni soggetti a trascrizione nei pubblici registri (immobili, terreni, barche, aerei, automobili).

3 Marzo 2017 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dove mi trovo?