Riabilitazione per protesto di un assegno - Come recupero il titolo originale in banca?

Sto preparando l'istanza di cancellazione del protesto di un assegno, ma mi sono accorta che pur avendo la liberatoria firmata per avvenuto pagamento, l'assegno non è in mio possesso ma si trova in banca, in quanto feci la pratica per evitare l'iscrizione al cai ed è depositato lì. Come faccio a recuperarlo per unirlo alla documentazione dell'istanza? Devo richiederlo alla banca? Quanto tempo occorre per ottenerlo?

Il debitore protestato che abbia adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non abbia subito ulteriore protesto ha diritto ad ottenere dal Tribunale, trascorso un anno dal levato protesto, la riabilitazione.

Per l'istanza di riabilitazione da presentare in Tribunale è sufficiente la copia conforme dell'assegno, rilasciata dalla banca presso la quale il titolo è custodito.

Tuttavia, in questo caso, si dovrà anche produrre il certificato originale (sempre rilasciato dalla banca) che attesta l'avvenuto perfezionamento della procedura di pagamento tardivo dell'assegno (pagamento tardivo che ha evitato l'iscrizione nella Centrale di Allarme Interbancaria - CAI) che obbliga l'istituto di credito a trattenere l'originale.

I tempi dipendono, naturalmente, dalla filiale della banca che dovrà rilasciare la richiesta certificazione e si aggirano, mediamente, intorno alle due settimane.

24 luglio 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

riabilitazione protestati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Assegno rubato firma falsa e protesto illegittimo » Colpa di banca e notaio
Banca e notaio rispondono in solido dei danni subiti dai correntisti per un assegno rubato con successivo protesto illegittimo » Sentenza Cassazione Assegno rubato, firma non autentica e protesto illegittimo: istituto di credito e notaio rispondono dei danni per erronea indicazione del nominativo protestato. Lo ha stabilito la Corte di ...
Assegni scoperti, protesto, segnalazione in CAI, pagamento tardivo, riabilitazione - Tips and tricks
A proposito di assegni scoperti, protesto di un assegno privo di copertura, iscrizione in Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), pagamento tardivo e riabilitazione dal protesto, non tutti sanno che: L'assegno bancario o postale deve essere presentato al pagamento in tempo utile, ovvero nel termine di otto giorni, decorrenti dalla data ...
Assegno bancario – girate e protesto
Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca. Il mancato pagamento dell'assegno all'atto di presentazione per l'incasso deve risultare dal protesto, ovvero da un atto pubblico (redatto ...
Protesto per assegno senza provvista - La banca può non avvertire
Non esiste nessun obbligo, da parte della banca, di avvertire il correntista prima della elevazione del protesto di un assegno emesso per mancanza di fondi. In caso di incapienza del conto corrente, infatti, non sussiste una posizione di interesse legittimo del correntista, consistente nel legittimo affidamento dello stesso di essere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca