Un soggetto debitore trasferisce una rilevante somma sul conto corrente del figlio - C'è il rischio che un creditore del disponente possa revocare il trasferimento?

Vorrei porvi un quesito relativo alla cosiddetta azione revocatoria: Mio padre è entrato in possesso di qualche migliaia di euro attraverso un prestito con la cessione del quinto dello stipendio. Questo finanziamento è stato contratto con l'obiettivo di aiutarmi a pagare le spese universitarie, e, pertanto, una volta ricevuto l'ammontare in conto corrente, mio padre ha trasferito la cifra verso il mio c/c citando come cauzione “pagamento spese universitarie”. Il punto è che mio padre, negli scorsi anni, ha accumulato delle pendenze con diversi soggetti; tuttavia, essendo nullatenente, nessuno ha (per ora) ritenuto conveniente procedere con delle azioni giudiziarie. Tuttavia, sono stati molti i tentativi stragiudiziali ricevuti per il recupero di quanto dovuto. Nonostante, da un recente riepilogo della Centrale Rischi della Banca d'Italia molti debiti siano stati considerati “sofferenze” e/o “crediti passati a perdita”, queste obbligazioni permangono, e, soprattutto per non far cadere il termine di prescrizione, ogni tanto arriva qualche comunicazione di messa in mora.

Ora che mio padre è venuto in possesso di una cospicua cifra, tutt'oggi in parte presente nel mio c/c, c'è il pericolo che qualche suo debitore revochi il trasferimento di denaro e pignori il saldo del mio conto?

L'azione revocatoria ordinaria di atti del debitore, si riferisce, sostanzialmente, ad atti di trasferimento della proprietà (o di altri diritti reali) di beni soggetti a trascrizione nei pubblici registri (immobili, terreni, barche, aerei, automobili).

L'azione revocatoria (o pauliana) è regolata dall'articolo 2901 del codice civile Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti [da intendersi come negoziali ndr] di disposizione del patrimonio con i quali il debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni

Insomma, presupposto per il fruttuoso esperimento dell'azione revocatoria da parte del creditore è innanzitutto l'esistenza di un atto di disposizione, cioè un atto negoziale (un contratto, in pratica) in forza del quale il debitore modifica la propria situazione patrimoniale, trasferendo ad altri un diritto che gli appartiene (ad esempio, vendendo, donando o simulando la vendita di un immobile) o ancora costituendo (o simulando la costituzione) sui propri beni di diritti a favore di altri (ad esempio diritti di usufrutto, ipoteca, ecc.) o, infine, donando, con atto formale, una somma di denaro.

Peraltro, un sentenza della Corte di cassazione (la 17178/2012), in passato continuamente invocata proprio dai creditori per non riconoscere al debitore pensionato il diritto al minimo vitale o il diritto alla limitazione del pignoramento al 20% delle somme depositate in conto corrente (essendo esse frutto esclusivo di accrediti da parte dell'INPS e cioè redditi da pensione) afferma che quando il creditore pignorante sottoponga ad azione esecutiva le somme detenute dal debitore presso un istituto bancario sono del tutto irrilevanti le ragioni per le quali quelle somme sono state versate su quel conto: il denaro è bene fungibile per eccellenza.

Estrapolando il concetto giuridico espresso nella massima, che cioè il denaro è un bene fungibile per eccellenza e che risultano del tutto irrilevanti le motivazioni per le quali possono essere stati effettuati accrediti in un conto corrente (fatta eccezione, naturalmente, per il trasferimento dei proventi di un reato), si capisce come possa diventare problematica un'azione giudiziale promossa dal creditore e finalizzata a far rientrare nella sfera di disponibilità del debitore esecutato somme che, prima della notifica del pignoramento del conto corrente, siano state trasferite ad altri tramite un semplice bonifico o a far dichiarare inefficace quel trasferimento nei confronti del creditore procedente.

23 aprile 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito
revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Norme sul trasferimento (portabilità) dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente
Per trasferimento dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente si intende il trasferimento, su richiesta del consumatore, dell'eventuale saldo positivo e/o delle informazioni relative a ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti e bonifici in entrata ricorrenti da un conto corrente di origine intrattenuto presso un istituto ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...
Il trasferimento dei servizi di pagamento legati al conto corrente è gratuito e deve essere perfezionato entro dodici giorni
Attraverso il contratto di conto corrente, la banca assicura al cliente un servizio di gestione della liquidità: custodisce i risparmi e offre una serie di servizi quali versamenti, prelievi e pagamenti, anche mediante carte di debito e di credito, assegni, bonifici, addebiti diretti e fidi. Le informazioni che l'intermediario è ...
Tempestività del recesso dal contratto di conto corrente - La banca non deve far gravare sul cliente inutili spese di gestione
Il riconoscimento del diritto di recesso dal rapporto di conto corrente a tempo indeterminato impone di per sé che l'interesse del correntista recedente non sia inutilmente frustrato dalla banca, la quale deve porre in essere un comportamento attivo, al fine di rendere possibile l'esercizio di tale diritto secondo modalità rapide ...
Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca