Quando una donazione può essere considerata obbligazione naturale e come tale non soggetta a revocatoria ordinaria?

Coniugi in separazione di beni vendono una casa cointestata e si trasferiscono in una abitazione di proprietà del solo marito ricevuta in eredità, la moglie rimane quindi priva di proprietà e il marito per dovere morale dona la casa alla moglie e riserva per se il diritto di abitazione.

Questa donazione può essere considerata obbligazione naturale e quindi non soggetta ad azione di revocatoria ordinaria? (si precisa che la moglie ha poi corrisposto al marito quasi l’intera somma della vendita della casa cointestata attraverso vari bonifici).

Si indica come obbligazione naturale una prestazione spontanea, in esecuzione di doveri morali o sociali, che non può essere oggetto di richiesta di restituzione o di corrispettivo da parte di colui che la prestazione ha effettuato.

Ci avventureremmo in un terreno minato, e in gran parte inesplorato, se qui volessimo avere la presunzione di discettare sulle condizioni per le quali una donazione possa essere, o meno, ritenuta un’obbligazione naturale.

In questa sede basta solo ricordare che, secondo l’articolo 2034, un bene oggetto di obbligazione naturale non può essere chiesto in restituzione dal donante.

E proprio qui casca l’asino: con l’azione revocatoria ordinaria non si produce un effetto restitutorio, poiché il bene non rientra più nel patrimonio del debitore donante (quindi non ci sarebbe violazione dell’articolo 2034 del codice civile) ma, una volta che il giudice abbia accolto l’azione revocatoria ordinaria promossa dal creditore procedente, quest’ultimo potrà pignorare l’immobile oggetto di azione revocatoria o potrà iscrivervi ipoteca, come se il bene non fosse mai stato donato.

3 Aprile 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Revocatoria ordinaria - Nel mio caso come è possibile pensare vi sia stato intento fraudolento?
Donazione fatta dal marito alla moglie tre anni prima della citazione per revocatoria ordinaria (quando ancora non esisteva il debito), il debito è sorto dopo tre anni. Si precisa che dopo la donazione la moglie ha prestato fideiussione al marito ad altra banca mettendo a rischio non solo l'immobile donato ma anche tutto il suo patrimonio, come si può pensare che vi sia stato consilium fraudis? ...

Ulteriore precisazione » Revocatoria ordinaria - Nel mio caso come è possibile pensare vi sia stato intento fraudolento?
Donazione fatta dal marito alla moglie tre anni prima della citazione per revocatoria ordinaria (quando ancora non esisteva il debito), il debito è sorto dopo tre anni. Si precisa che dopo la donazione la moglie ha prestato fideiussione al marito ad altra banca mettendo a rischio non solo l'immobile donato ma anche tutto il suo patrimonio, (il fideiussore escusso sta pagando a saldo e stralcio) come si può pensare che vi sia stata preordinazione per non pagare i creditori? L'azione revocatoria è ancora in fase iniziale. ...

Effetti dell'azione revocatoria ordinaria dopo il primo grado di giudizio
Desidero sapere quali azioni può intraprendere il creditore vittorioso nella sentenza di primo grado della revocatoria ordinaria ed in attesa degli altri due gradi di giudizio, se il debitore dovrà lasciare l'abitazione oggetto della revocatoria ancor prima dei successivi gradi giudizio. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quando una donazione può essere considerata obbligazione naturale e come tale non soggetta a revocatoria ordinaria?