Accredito in conto corrente ed eventuale azione revocatoria nei confronti del disponente

Sono un fideiussore già escusso dalla banca e dovrò pagare una ingente somma, per poter pagare – il vero debitore (al quale avevo fatto nel corso degli anni vari prestiti tutti con bonifici) – mi ha fatto un bonifico di restituzione prestito che mi ha permesso di pagare la banca.

Vorrei sapere se tale restituzione può essere considerata DEBITO SCADUTO e quindi non soggetto a revocatoria. Preciso che dal bonifico di restituzione prestito è già passato un anno e sei mesi

Se abbiamo ben compreso la questione, lei, beneficiario, teme una eventuale azione revocatoria avviata dai creditori del disponente che ha effettuato il bonifico (naturalmente nei confronti del disponente stesso).

Il bonifico di valore non modico, in assenza di contratti preesistenti stipulati fra beneficiario e disponente che possano giustificare la dazione come obbligo di rimborso per un credito in scadenza o scaduto, viene assimilato dalla giurisprudenza (Corte di cassazione, a sezioni unite, sentenza 18725/2017) ad atto di donazione diretta. In quanto donazione il passaggio di denaro dovrebbe essere ratificato con atto pubblico notarile (alla presenza di due testimoni), altrimenti è suscettibile di annullamento per vizio di forma su domanda del creditore del disponente.

Insomma, l’annullamento del bonifico potrebbe realizzarsi senza nemmeno la necessità di un’azione revocatoria avviata dal creditore del soggetto che ha effettuato il bonifico, con conseguente obbligo del beneficiario alla restituzione di quanto ricevuto dal disponente.

Ulteriore elemento ostativo a considerare la dazione come rimborso di un debito scaduto resta poi il fatto che il disponente, che lei classifica come debitore principale, avrebbe potuto girare direttamente al creditore (la banca) la somma accreditata sul conto corrente del fideiussore.

Se, tuttavia. quando la banca escusse il fideiussore, il debitore principale (l’attuale disponente del bonifico) non aveva diponibilità per saldare il debito garantito da fideiussione, sarà agevole dimostrare eventualmente, sulla base dei contratti di fideiussione stipulati fra le parti (fideiussore, creditore e debitore principale) che il bonifico finalizza il rimborso di un credito scaduto (quello vantato dal fideiussore escusso nei confronti del debitore principale inadempiente) e non può configurarsi, pertanto, come donazione diretta di valore non modico.

8 Gennaio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Azione revocatoria del bonifico disposto dal debitore sul conto corrente del proprio coniuge
Chiedo gentilmente delle delucidazioni: un debitore che effettua un bonifico sul conto del coniuge è soggetto ad azione revocatoria? Ma nella pratica cosa succede? Il bonifico deve essere restituito o viene pignorato direttamente sul conto del coniuge? ...

Azione revocatoria nel caso di trasferimento a terzi di somme dal conto corrente del debitore - Ci sono i presupposti?
Faccio seguito a questa risposta per domandare un chiarimento in merito all'azione revocatoria. Nella fattispecie, è stato indicato che [può] diventare problematica un'azione giudiziale promossa dal creditore e finalizzata a far rientrare nella sfera di disponibilità del debitore esecutato somme che, prima della notifica del pignoramento del conto corrente, siano state trasferite ad altri tramite un semplice bonifico. Volevo chiedere quanto segue: dato che l'azione revocatoria viene esercitata quanto vi sia frode nei confronti del creditore, è necessario che la predetta venga esercitata solo sui trasferimenti di beni effettuati dal debitore dopo aver notificato lui un decreto ingiuntivo (e poi ...

Azione revocatoria da parte di Equitalia
Vorrei sapere se l'azione revocatoria per l alienazione di un bene immobile è proponibile anche da Equitalia: se si, quali sono le caratteristiche? Vale, come per l ipoteca, il fatto che il debito non sia inferiore a 20.000? E che senso avrebbe un azione revocatoria per la vendita di una casa ad esempio, se poi Equitalia non può pignorala (a meno che non ci siano certe caratteristiche)? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accredito in conto corrente ed eventuale azione revocatoria nei confronti del disponente