Accredito in conto corrente ed eventuale azione revocatoria nei confronti del disponente

Sono un fideiussore già escusso dalla banca e dovrò pagare una ingente somma, per poter pagare - il vero debitore (al quale avevo fatto nel corso degli anni vari prestiti tutti con bonifici) - mi ha fatto un bonifico di restituzione prestito che mi ha permesso di pagare la banca.

Vorrei sapere se tale restituzione può essere considerata DEBITO SCADUTO e quindi non soggetto a revocatoria. Preciso che dal bonifico di restituzione prestito è già passato un anno e sei mesi

Se abbiamo ben compreso la questione, lei, beneficiario, teme una eventuale azione revocatoria avviata dai creditori del disponente che ha effettuato il bonifico (naturalmente nei confronti del disponente stesso).

Il bonifico di valore non modico, in assenza di contratti preesistenti stipulati fra beneficiario e disponente che possano giustificare la dazione come obbligo di rimborso per un credito in scadenza o scaduto, viene assimilato dalla giurisprudenza (Corte di cassazione, a sezioni unite, sentenza 18725/2017) ad atto di donazione diretta. In quanto donazione il passaggio di denaro dovrebbe essere ratificato con atto pubblico notarile (alla presenza di due testimoni), altrimenti è suscettibile di annullamento per vizio di forma su domanda del creditore del disponente.

Insomma, l'annullamento del bonifico potrebbe realizzarsi senza nemmeno la necessità di un'azione revocatoria avviata dal creditore del soggetto che ha effettuato il bonifico, con conseguente obbligo del beneficiario alla restituzione di quanto ricevuto dal disponente.

Ulteriore elemento ostativo a considerare la dazione come rimborso di un debito scaduto resta poi il fatto che il disponente, che lei classifica come debitore principale, avrebbe potuto girare direttamente al creditore (la banca) la somma accreditata sul conto corrente del fideiussore.

Se, tuttavia. quando la banca escusse il fideiussore, il debitore principale (l'attuale disponente del bonifico) non aveva diponibilità per saldare il debito garantito da fideiussione, sarà agevole dimostrare eventualmente, sulla base dei contratti di fideiussione stipulati fra le parti (fideiussore, creditore e debitore principale) che il bonifico finalizza il rimborso di un credito scaduto (quello vantato dal fideiussore escusso nei confronti del debitore principale inadempiente) e non può configurarsi, pertanto, come donazione diretta di valore non modico.

8 gennaio 2019 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

azione revocatoria ordinaria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale bonifico)
donazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca