Ho debiti con il fisco e vorrei rinunciare all’eredità lasciata da mio padre – Tale atto sarebbe suscettibile di azione revocatoria da parte dell’Agenzia delle Entrate?


Argomenti correlati:

A seguito della morte di mio padre sono divenuto legittimo erede di una quota del suo patrimonio. Essendo debitore col fisco di somme accumulate nel tempo per mancato pagamento parziale di imposte e di contributi previdenziali vorrei rinunciare all’eredità. Tale atto sarebbe suscettibile di azione revocatoria da parte dell’agenzia delle entrate?

Non c’è nemmeno bisogno della revocatoria promossa dal creditore avverso l’atto di rinuncia all’eredità esercitata del debitore (ex articolo 2901 del codice civile).

Al creditore basterà intervenire con l’impugnazione della rinuncia del debitore ex articolo 524 del codice civile, secondo il quale se taluno rinunzia a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del debitore rinunciante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Tuttavia, il diritto dei creditori a impugnare la rinuncia si prescrive in cinque anni dalla rinuncia stessa.

26 Marzo 2018 · Annapaola Ferri



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ho debiti con il fisco e vorrei rinunciare all’eredità lasciata da mio padre – Tale atto sarebbe suscettibile di azione revocatoria da parte dell’Agenzia delle Entrate?