Revocatoria atto di compravendita immobile

Capisco l’acquisto al giusto prezzo dell’immobile, la trasparenza nei pagamenti, ma l’obbligo di adibire l’immobile ad abitazione principale per non incappare in un’azione revocatoria dovrebbe essere escluso se le prime due clausole sono pienamente soddisfatte.

Ciò vuol dire che chi acquista un immobile per investire denaro si dovrebbe preoccupare di un’azione revocatoria entro i 5 anni dalla data del rogito?

Sinceramente mi sembra un’esagerazione, a questo punto fermiamo tutte le compravendite perché sono tutte suscettibili di questa penalizzazione e modifichiamo la legge.

A quanto espresso nel mio precedente messaggio, ho notato che è stata tolta una frase inerente l’anticipazione della data del rogito e sostituita con una inerente l’abitazione principale; non mi sembra opportuno modificare quanto espresso da chi scrive in questo forum senza esplicita approvazione.

La frase a cui lei si riferisce era monca ed il testo risultante incomprensibile.

Dovendo scegliere fra la cancellazione del post e la sua pubblicazione completata con il contenuto che ci sembrava più verosimile, abbiamo optato per la seconda soluzione.

Le nostre risposte non sono basate su valutazioni personali, ma su giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione.

Ciò detto, questo argomento sarà considerato inibito a qualsiasi ulteriore integrazione.

26 Maggio 2015 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Azione revocatoria atto di compravendita immobile
Sono in procinto di stipulare un rogito dopo aver fatto e registrato un regolare contratto di compravendita. Vengo a conoscenza che il venditore dell'immobile ha perso una causa e quindi si aspetta da un momento all'altro che il creditore faccia applicare un'ipoteca sul suo immobile. Il venditore mi chiede se posso anticipare la data del rogito proprio per non incorrere nella impossibilità di poter vendere più l'immobile. Leggo in questo sito che la revoca del contratto è possibile ma è esclusa qualora l'immobile è destinato come prima casa per se o per parenti fino al terzo grado e che lo ...

Il rischio di una revocatoria dell'atto di una compravendita quando è escluso?
Il rischio di una revocatoria dell'atto di compravendita per l'intero immobile o per quote di esso è escluso solo quando coesistono tutte e tre le situazioni o una delle tre: l'acquirente è un soggetto terzo (non parente o affine del venditore), il prezzo della transazione è quello di mercato e l'immobile viene destinato dal compratore ad abitazione principale (luogo in cui eleggono residenza e vivono l'acquirente stesso o suoi parenti o affini). Nel caso della donazione dell'immobile il rischio di una revocatoria dell'atto è più alto? e oltre ad esso quali altri rischi incomberebbero sull'atto? ...

Tutela per evitare un'azione revocatoria su atto notarile
Si, è vero, il venditore mi aveva detto di voler evitare un'ipoteca sull'immobile, ma in definitiva ho convenuto di far saldare il debito in concomitanza o prima del rogito, dandomi evidenza in quest'ultimo caso, pena l'annullamento del contratto e la restituzione della caparra. Questo è quello che è di mia conoscenza, per il resto, come dicevo prima, non sono un veggente e spero che non ci sia dell'altro da qui alla data dell'atto che peraltro non ho intenzione di anticipare. Comunque, da quanto ho appreso da questo dialogo con gli esperti che mi hanno seguito in questo forum, intuisco che ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Revocatoria atto di compravendita immobile