Azione revocatoria, data di insorgenza del credito e data dell'atto dispositivo del debitore

Vi chiedo se è possibile dichiarare inefficace una donazione, tramite azione revocatoria ordinaria, partendo dal presupposto che la LESIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE in caso di revocatoria, va considerata al momento in cui l'atto di alienazione viene posto in essere e tutto ciò che avviene successivamente non interessa (Cassazione sentenza 23743, depositata il 14 novembre 2011).

Alla luce di questa sentenza si specifica quanto segue: ALLA DATA DELLA DONAZIONE FATTA DAL DEBITORE AL CONIUGE, IL CREDITORE ERA BEN GARANTITO ESSENDO IN POSSESSO DELLA LIQUIDAZIONE SPETTANTE AL DEBITORE, CHE A QUELLA DATA AVEVA MATURATO LIQUIDAZIONE PER OLTRE 100.000,00 EURO, CHE IL CREDITORE AVREBBE POTUTO TRATTENERE PER COMPENSARE I PROPRI CREDITI. IL DEBITORE INOLTRE ALL'EPOCA DELLA DONAZIONE AVEVA ANCHE UN CONTO COINTESTATO CON IL CONIUGE CON UN ATTIVO DI OLTRE 130.000,00 EURO DIMOSTRABILE DALL'ESTRATTO CONTO.

Stante questa situazione non si comprende come l'atto di donazione avesse leso la garanzia patrimoniale, DEL CREDITORE, abbondantemente garantito, visto che aveva il possesso della suddetta liquidazione , e avrebbe potuto inoltre pignorare il danaro sul conto corrente cointestato. GRAZIE

La sentenza citata è relativa ad un debitore che aveva ottenuto una apertura di credito in conto corrente, sulla base del patrimonio fotografato alla data dell'affidamento.

Successivamente, prima di prelevare danaro, e quindi prima di fruire effettivamente dell'affidato, il soggetto si era spogliato degli immobili che deteneva asserendo, a seguito dell'azione revocatoria dalla banca che l'insorgenza del credito fosse avvenuta successivamente agli atti dispositivi.

I giudici hanno concluso che, nell'ipotesi in cui il credito sorga da un'apertura di credito o da un affidamento bancario, è con riferimento alla data di questi ultimi che va verificata la anteriorità del credito, a nulla rilevando che la concreta utilizzazione delle somme, ovvero la revoca dell'affidamento, sia avvenuta posteriormente all'atto fraudolento.

In ogni caso, in questa sede proviamo a chiarire aspetti giuridici relativi a situazioni concrete, mentre non è certamente nostro scopo quello di mettere in discussione le sentenze della Corte di cassazione.

18 maggio 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Requisiti per l'azione revocatoria - Quando l'atto dispositivo revocando viene effettuato dal debitore prima o dopo l'insorgenza del credito
Azione revocatoria di atti del debitore effettuati prima e dopo l'insorgenza del credito Qualora l'azione revocatoria abbia per oggetto atti del debitore disposti in epoca anteriore al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione revocatoria, la dolosa preordinazione dell'atto da parte del debitore al fine di compromettere ...
Il fondo patrimoniale costituito nell'insorgenza del debito è soggetto ad azione revocatoria
L'azione revocatoria verso gli atti di disposizione dei beni del debitore, quale ad esempio la costituzione di un fondo patrimoniale, è semplicemente finalizzata alla tutela delle ragioni del creditore; tutela realizzata sottraendo al fondo patrimoniale i beni che svolgevano una funzione di garanzia generica del credito, quando ricorre l'elemento della ...
Suscettibile di azione revocatoria il fondo patrimoniale costituito dal fideiussore dopo l'apertura di credito e prima che il debitore principale effettui un prelievo
Può accadere che un soggetto presti fideiussione per un'apertura di credito: la banca concede l'apertura di credito e mette a disposizione l'importo garantito dal fideiussore. Successivamente all'apertura di credito, e prima che il debitore principale effettui un qualsiasi prelievo delle somme messe a disposizione della banca, il fideiussore costituisce un ...
L'azione revocatoria e l'inefficacia dell'atto dispositivo del debitore fallito in comunione dei beni
Nei due anni precedenti la dichiarazione di fallimento sono automaticamente inefficaci nei confronti dei creditori, senza che sia necessaria la dichiarazione dell'autorità giudiziaria, gli atti a titolo gratuito finalizzati a trasferire a terzi la proprietà di un bene del debitore fallito. La pronuncia di inefficacia ai sensi dell'articolo 64 della ...
Azione revocatoria ordinaria per atti di disposizione del debitore a titolo oneroso prima e dopo l'insorgenza del credito
Ai fini dell'azione revocatoria ordinaria, quando l'atto di disposizione sia successivo al sorgere del credito e sia a titolo oneroso, è sufficiente la consapevolezza, del debitore alienante e del terzo acquirente, della diminuzione della garanzia generica per la riduzione della consistenza patrimoniale del primo, non essendo necessaria la collusione tra ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca