Revisione delle tabelle millesimali condominiali – Ci vuole la maggioranza qualificata o è necessaria l’unanimità?


L’approvazione della revisione delle tabelle millesimali di un condominio richiede il consenso unanime o è sufficiente la maggioranza qualificata?

In tema di condominio, l’atto di approvazione delle tabelle millesimali, al pari di quello di revisione delle stesse, non ha natura negoziale; ne consegue che il medesimo non deve essere approvato con il consenso unanime dei condomini, essendo a tal fine sufficiente la maggioranza qualificata di cui al comma 2 dell’articolo 1136 del codice civile (Corte di cassazione, sentenza 18477/2010 a sezioni unite).

Per qualificata si intende la maggioranza costituite con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.

23 Novembre 2019 · Piero Ciottoli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Revisione delle tabelle millesimali condominiali – Ci vuole la maggioranza qualificata o è necessaria l’unanimità?