Come procedere per la restrizione ipotecaria e come verificare la correttezza del conteggio estintivo?

Avrei due quesiti: il primo riguardante il come procedere per ottenere la restrizione ipotecaria (il mutuo fu stipulato per ristrutturare un'abitazione trasformando un locale adibito a sottotetto in unità abitativa, di conseguenza la garanzia veniva fornita prevalentemente dall'abitazione principale); il secondo relativo a come verificare la correttezza di un eventuale conteggio estintivo.

Per richiedere restrizione ipotecaria è, naturalmente, necessario presentare apposita istanza alla banca: più interessante è, invece, la discussione riguardante le motivazioni che spesso gli istituti bancari oppongono alla richiesta di restrizione di ipoteca.

Ebbene, a tale proposito va detto che l'estinzione della quinta parte del debito originario e la produzione documentale che dimostri la sufficienza della garanzia residua all'esito della riduzione dell'ipoteca sono collegati da un rapporto di alternatività e che, quindi, il debitore ha diritto alla restrizione della garanzia anche se versa in una sola delle due ipotesi.

In tale senso depone univocamente il tenore letterale della norma (articolo 39, comma V, del testo unico bancario) che fa seguire alla fattispecie dell'estinzione nella misura di un quinto dell'obbligazione di restituzione del mutuo, la diversa ipotesi (della presentazione di idonea documentazione attestante la sufficienza dei beni residui oggetto di ipoteca) attraverso l'avverbio inoltre (si veda decisione Arbitro Bancario Finanziario 4070/2016).

Quindi, presumendo che l'istanza di restrizione ipotecaria poggi esclusivamente sulla produzione documentale finalizzata a dimostrare la sufficienza della garanzia residua, dovrebbero essere sufficienti l'atto di stipula del mutuo e gli estratti conto del relativo piano di ammortamento (peraltro si tratta di documentazione già in possesso della banca). Se l'istituto di credito dovesse opporre difficoltà alla concessione della restrizione, invocando la variazione intervenuta nel tempo sul valore commerciale dell'immobile ipotecato, allora si renderebbe necessaria una perizia tecnico estimativa di un consulente di parte.

A questo punto, tuttavia, sarebbe forse più conveniente valutare un'operazione di trasferimento del mutuo presso altra banca (portabilità), accompagnata da un accordo preventivo sull'importo garantito da ipoteca.

4 marzo 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ipoteca
mutuo casa
mutuo e debiti - restrizione ipotecaria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

TASI - abitazione principale ed unità abitative assimilabili all'abitazione principale
Agli effetti della TASI (TAssa sui Servizi Indivisibili) deve intendersi per abitazione principale l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito ...
Immissioni di fumo nell'unità abitativa e isolamento acustico non idoneo - Responsabilità del costruttore
Sussiste una responsabilità del costruttore se l'immobile, nel corso di dieci anni dal compimento, rovina in tutto od in parte per un suo difetto di realizzazione ovvero presenti evidente pericolo di rovina o gravi difetti. Il diritto dell'acquirente al risarcimento danni si prescrive in un anno dalla denunzia. Secondo la ...
Fideiussione omnibus - obblighi e limiti di informativa del creditore garantito al fideiussore
Con riferimento alla fideiussione omnibus il creditore garantito, nell'esercizio del potere discrezionale di concedere anticipazioni al debitore principale con conseguente aumento di rischio per il garante, ha un limite nell'esecuzione del contratto. In particolare, il creditore garantito ha l'obbligo di operare secondo criteri oggettivi di corretta gestione del credito nello ...
Dichiarazione dei redditi - Interessi passivi del mutuo detraibili anche per acquisto del solo usufrutto della casa di abitazione principale
Per quanto riguarda le detrazioni da portare in dichiarazione dei redditi, le norme vigenti (articolo 13 bis del DPR 917/1986) stabiliscono che dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 19 per cento degli interessi passivi, e dei relativi oneri accessori in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili ...
Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - Detrazione per affitti a canone non convenzionato
È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca