Restituzione prestito da parente defunto

Nel 2010 ricevetti una somma in prestito da un mio zio, comprovata da una ricevuta.

Lo zio è morto nel 2011, e gli eredi, pur essendo entrati in possesso della ricevuta, finora (2014) non hanno rivendicato il credito.

Ora sembra che vogliano rivendicarlo. Vorrei sapere se ne hanno il diritto, tenendo presente che nel frattempo sono state chiuse tutte le pratiche relative all'eredità, ossia la lettura del testamento, l'inventario dei beni (nel quale non compare il suddetto prestito) e la relativa suddivisione tra gli eredi, i quali hanno accettato senza alcuna riserva (di questo sono informato in quanto anche io rientro nell'asse ereditario).

Il mancato inserimento della ricevuta attestante il credito del de cuius non inficia il diritto di esigerlo da parte degli eredi.

Sarà sufficiente procedere ad una integrazione della precedente successione motivandola con la circostanza di aver rinvenuto il documento in epoca successiva.

15 gennaio 2014 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...
Nessuna azione esecutiva promossa dai creditori del defunto è possibile contro chi accetta l'eredità con beneficio di inventario
Una volta trascritta l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario non è più possibile l'esecuzione individuale contro chi ha accettato con beneficio di inventario e sui suoi beni. Tanto alla luce del condiviso principio, affermato dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui l'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario non ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Accettazione con beneficio di inventario - Può essere opposta dall'erede anche per le imposte di successione e catastale da versare all'erario
La limitazione della responsabilità dell'erede per i debiti ereditati, derivante dall'accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario, è opponibile a qualsiasi creditore, ivi compreso l'erario. Quest’ultimo, di conseguenza, pur potendo procedere alla notifica dell'avviso di liquidazione nei confronti dell'erede, non può liquidare od esigere il versamento dell'imposta ipotecaria, catastale o di successione ...
La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca