Responsabilità cda di cooperativa per tasse non pagate

Nel 2009 risultavo ancora nella visura di una società cooperativa come facente parte del cda, in quanto nel 2008 non era stato mandato via correttamente il verbale che sanciva la mia uscita.

L'uscita è stata regolarizza nel settembre 2011 con una pratica retroattiva accettata dalla camera di commercio.

Oggi è arrivata alla cooperativa una raccomandata dell'agenzia delle entrate in cui si dice che nel 2009 non sono state pagate delle tasse e ci sono delle sanzioni.

DOMANDA: Nel caso in cui l'attuale amministrazione non pagasse la cartella esattoriale io potrei avere delle conseguenze? Oppure la pratica retroattiva comunque mi tutela?

La Camera di commercio avrà anche accettato l'atto con cui si indica la sua uscita dal CDA, con modalità retroattiva.

Sicuramente quell'atto non ha alcun valore nei confronti dell'Agenzia delle Entrate. E, a mio modesto parere, non sarà opponibile a nessuno.

Per la semplice ragione che se fosse possibile e legittimo procedere in questo modo, lei capisce che un qualsiasi CDA potrebbe, ex post, una volta che la società fosse diventata insolvente verso creditori speciali ed ordinari e al solo costo di pò di pratiche retroattive e di qualche piatto di riso, cooptare al suo interno tutti i nullatenenti della città (e dintorni). Con effetto retroattivo!

4 gennaio 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Società cooperativa a responsabilità limitata - I rischi per il lavoratore derivanti da una delibera di approvazione del bilancio
La società cooperativa persegue una finalità di tipo mutualistico, diversa da quella di lucro: lo scopo mutualistico equivale a massimizzare l'interesse dei soci e può consistere nel disporre di opportunità di lavoro che assicurino la continuità di occupazione e le migliori condizioni economiche, sociali e professionali. In particolare, le società ...
L'obbligato perde il lavoro e la beneficiaria torna a casa dei genitori - Si alla riduzione dell'assegno divorzile con efficacia retroattiva decorrente dalla data di licenziamento
La giurisprudenza ha in più occasioni ritenuto legittima la revisione retroattiva dell'assegno divorzile in presenza di un evento che la giustifichi, evento che può essere rappresentato anche dalla perdita del lavoro da parte dell'ex coniuge obbligato (Cassazione civile sentenze 11913/2009 e 16173/2015). La beneficiaria dell'assegno divorzile non può opporsi alla ...
Prestito tra parenti? » Consigliabile giustificare ad Agenzia Entrate
Donazione o prestito tra familiari: è sempre bene formalizzare per iscritto ogni regalo ricevuto in denaro, per poter evitare un accertamento fiscale dall'Agenzia delle Entrate. Quando ricevete in dono o in prestito una somma di denaro, anche se si tratta di un parente, è bene sempre giustificarla agli occhi dell'Agenzia ...
Canone RAI in bolletta elettrica per soggetto ricoverato in casa di riposo
Cosa deve fare un contribuente ricoverato in una casa di riposo? Se il contribuente detiene un apparecchio tv nella propria abitazione è tenuto al pagamento del canone anche se è ricoverato in casa di riposo. Se il contribuente non possiede la TV, qualora sia titolare di un'utenza elettrica con tariffa ...
Problemi di evasione contributiva con INPS
Avrei necessità di chiarimenti ed indicazioni su come comportarmi di fronte al problema con l'INPS che vado a descrivere. Ad Aprile del 2009 ho aperto partita Iva in qualità commerciale (Agente di Commercio) A Dicembre 2010 ho chiuso detta partita Iva Le operazioni di apertura e chiusura sono state eseguite ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca