Piano di ammortamento relativo ad un accordo transattivo a saldo stralcio non portato a termine – Cosa succede in tale evenienza?

Circa tre anni fa la banca accolse la mia proposta di saldo e stralcio relativa ad un mutuo in sofferenza: ho pagato la maggior parte delle rate ma le ultime due mi sono trovato in difficoltà e non le ho pagate.

Dopo un paio di mesi dalla scadenza ho avuto la somma disponibile e mi sono attivato per pagare seppur in ritardo. Io nel frattempo non ho ricevuto alcuna comunicazione dalla Banca creditrice, allo sportello mi hanno detto di attendere comunicazioni dallo specifico ufficio legale, sono passati altri mesi e nessuna comunicazione, io ho comunque sempre i soldi disponibili.

Ora, alcuni conoscenti mi hanno detto che molte volte in situazioni analoghe, dove il residuo è di poche migliaia di euro su un prestito piuttosto corposo, le banche ci mettono una croce sopra e ci rinunciano, diciamo che rimettono il residuo debito al debitore Ma non dovrebbero comunicarmelo?

Così senza comunicazioni rimane una faccenda sempre aperta!!!

Anche per l’iscrizione alla centrale rischi come cattivo pagatore. Come dovrei comportarmi?

Alcuni conoscenti le hanno detto che molte volte in situazioni analoghe, dove il residuo è di poche migliaia di euro su un prestito piuttosto corposo, le banche ci mettono una croce sopra. In punta di diritto, invece, quando si sottoscrive un accordo a saldo stralcio e il debitore, già inadempiente, non porta a rimborso integrale nemmeno quello (fino all’ultima rata), viene ripristinato il contratto precedente, con il debito dell’importo originario gravato dagli interessi moratori. Quanto versato in base al piano di ammortamento previsto dall’accordo transattivo a saldo stralcio (non condotto a termine) regredisce a partita di anticipazione, acconto, rispetto al debito originario.

In banca devono essere seguite delle procedure specifiche: nessuno si assume la responsabilità di abbuonare il debito residuo di alcune migliaia di euro perché marginale rispetto a quello originario: a meno che le policies della banca non prevedano che, a determinate condizioni oggettive, il credito vada dichiarato in sofferenza, iscritto a bilancio come perdita di gestione (al netto del ricavato di una eventuale cessione) e ceduto a società che operano nel campo del recupero crediti.

Sarebbe opportuno effettuare un accesso alla Centrale Rischi della Banca d’Italia per verificare lo stato della posizione debitoria in sofferenza che dovrebbe essere ancora visibile, dal momento che il suo aggiornamento dovrebbe risalire a meno di tre anni fa.

11 Ottobre 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accordo per saldo e stralcio con piano di rientro ventennale
Tempo fa ho preso accordi con Banca IFIS per il pagamento di un debito che la stessa ha acquistato dalla banca originaria: l'importo è alto, si parla di 90 mila euro in origine e ora con stralcio 45 mila. La somma verrà pagata in venti anni, sono partito da 100 euro al mese e via via aumenterà fino a 300 euro (gli ultimi 10 anni). I pagamenti pur con mille sacrifici sono regolari. Vorrei chiederVi se è possibile, che se i pagamenti saranno sempre regolari, Banca Ifis potrebbe decidere di pretendere tutto subito, e annullare l'accordo, per procedere magari con ...

Accordo transattivo e pagamento debito a saldo stralcio con piano di rientro rateale - L'importanza di fare riferimento, nella liberatoria, al debito residuo rinunciato
Avrei da chiederVi alcuni chiarimenti: ho raggiunto un accordo con banca IFIS (che ha acquistato i debiti che avevo dalla banca originaria) che ha accettato la mia proposta di pagamento di tre diversi finanziamenti. 1) totale debito 2.000 euro totale proposto 1.200 2) totale debito 5.000 euro totale proposto 3.500 3) totale debito 50.000 euro totale proposto 35.000. La banca ha accettato il pagamento delle somme proposte in pagamenti rateali che finirò di pagare tra 20 anni. Ovviamente mi è stato detto che al termine pagherò in totale 39.700 e che gli interessi sarannno bloccati e non avrò nessun problema ...

Cartolarizzazione del debito residuo da accordo a saldo stralcio - Cosa è il debito rinunciato
A seguito del parziale pagamento del saldo e stralcio, la banca ha cartolarizzato il mio debito residuo cedendolo ad una società finanziaria. Ho ricevuto una comunicazione da parte di questa società che mi avvisava dell'avvenuto ma senza alcuna richiesta di danaro. Sono passati molti mesi (quasi un anno) e ancora nessuna notizia. Le società che acquistano questi debiti deteriorati hanno un limite temporale o possono agire come e quando vogliono? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Piano di ammortamento relativo ad un accordo transattivo a saldo stralcio non portato a termine – Cosa succede in tale evenienza?