Residenza fittizia attribuita su base MQ abitazione ai fini TARI – Conviene impugnare la delibera comunale o tentare un ricorso amministrativo?


Per una seconda casa, il comune (Sorano – Grosseto) si è inventato per il 2016 che ogni 40 mq di superficie anche se non risultano residenti chiede la quota variabie TARI. Il regolamento stima 1 “occupante” ogni 40 mq di sup catastale così aggirando, a mio parere, il dovere di far pagare solo la quota fissa della TARI ai non residenti che così viene surrettiziamente estesa perchè così il calcolo basato su MQ tipico della quota fissa TARI viene esteso alla quota variabile.

E’ legittimo tale modo di operare?
Io vorrei presentare istanza autotutela… poi ?
La TARI così passa da circa 52 euro a circa 220 euro anno !

La delibera comunale che ha approvato il regolamento per la TA.RI. andrebbe impugnata innanzi al TAR Toscana, a nostro giudizio.

E’ perfettamente inutile tentare il ricorso amministrativo in autotutela: piuttosto andrebbero coinvolte le associazioni di consumatori presenti sul territorio.

3 Novembre 2016 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Residenza fittizia attribuita su base MQ abitazione ai fini TARI – Conviene impugnare la delibera comunale o tentare un ricorso amministrativo?