Pignoramento dei beni presso il debitore – Residenza fiscale persone fisiche residenza anagrafica e domicilio abituale

Nel caso la residenza anagrafica di una persona fisica differisca dalla residenza fiscale, il pignoramento è possibile anche presso la residenza fiscale anche se vi vivono e risiedono I suoceri? O l’esecuzione forzata avviene solo presso la residenza anagrafica del debitore?

La residenza fiscale dichiarata dal debitore è il luogo presso il quale l’amministrazione finanziaria è obbligata a notificare avvisi di accertamento, irregolarità nelle dichiarazioni dei redditi o altri atti equipollenti. Non è detto si tratti di uno spazio in cui necessariamente possano essere individuati beni di proprietà del debitore, neanche per presunzione legale (si pensi allo studio del commercialista o alla sede di una società di capitali).

L’ufficiale giudiziario, attivato dal creditore per eseguire il pignoramento dei beni situati laddove il debitore vive, consulta sempre gli archivi anagrafici per individuare il luogo di residenza del debitore.

Ma, potrebbe anche consultare il registro imprese per localizzare il luogo dove il debitore svolge la propria attività di lavoro autonomo o imprenditoriale.

Ciò non toglie che il creditore, dopo accurate indagini e collezione di esaurienti prove esibite all’ufficiale giudiziario e da questi condivise, possa indirizzare il pignoramento presso un domicilio del debitore, ovvero verso il luogo dove abitualmente il debitore dimora, nel periodo in cui l’esecuzione forzata è richiesta.

Qualora il domicilio abituale del debitore coincidesse con un immobile di proprietà di terzi, oppure ad un terzo locato, vige la cosiddetta presunzione legale di proprietà, ovvero tutto ciò che si trova nel luogo dove il debitore risiede o domicilia (in pratica dove il debitore abitualmente vive), si presume essere di proprietà del debitore.

Naturalmente, è fatta salva la facoltà del terzo, cui fossero pignorati beni di sua proprietà nel corso dell’attività di esecuzione forzata nei confronti del debitore, ricorrere successivamente al giudice dell’esecuzione competente, tramite un avvocato, per esibire prove concrete (fatture, contratti di comodato) e liberare i beni non riconducibili, in quanto a possesso, al debitore esecutato.

La notifica del pignoramento, comunque, dovrà essere sempre indirizzata al luogo di residenza del debitore, e se quest’ultimo risulta ivi temporaneamente assente, si perfezionerà, comunque, per compiuta giacenza, presso gli uffici comunali preposti alla gestione del cosiddetto albo pretorio.

24 Novembre 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il domicilio fiscale e la residenza anagrafica del contribuente
Salve, vorrei chiedere che differenza passa fra la residenza anagrafica ed il domicilio fiscale di un contribuente. Grazie. Il domicilio fiscale, a norma dell'articolo 58 dpr 600/73, per le persone fisiche coincide, generalmente, con la residenza anagrafica risultante dai registri demografici. I soggetti diversi dalle persone fisiche (persone giuridiche) invece, hanno il domicilio fiscale nel comune in cui si trova la loro sede legale o, in mancanza, la sede amministrativa; se anche questa manca, il domicilio fiscale viene assunto nel comune ove è stabilita una sede secondaria o una stabile organizzazione e, in mancanza, nel comune in cui esercitano prevalentemente ...

Valenza del domicilio fiscale per la notifica degli atti da parte dell'Agenzia delle Entrate e casi di difformità con la residenza anagrafica del contribuente - Comunicazioni di elezione e di variazione del domicilio fiscale
A norma dell'articolo 58 del decreto presidente repubblica 600/1973 le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato italiano hanno il domicilio fiscale nel Comune nella cui anagrafe sono iscritte. In tutti gli atti, contratti, denunzie e dichiarazioni che vengono presentati agli uffici finanziari deve essere indicato il Comune di domicilio fiscale delle parti, con la precisazione dell'indirizzo. L'articolo 60, sempre nel dpr 600/1973, prevede che è facoltà del contribuente eleggere domicilio presso una persona o un ufficio nel Comune del proprio domicilio fiscale per la notifica degli atti o degli avvisi che lo riguardano e che, in tal caso, l'elezione ...

Notifica degli atti - Legittima se perfezionata al domicilio abituale del destinatario e non alla sua residenza anagrafica
Ai fini della determinazione del luogo di residenza o dimora della persona destinataria della notifica, rileva esclusivamente il luogo ove essa dimora di fatto in modo abituale, rivestendo le risultanze anagrafiche mero valore presuntivo circa il luogo di residenza e potendo essere superate, in quanto tali, da una prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento, affidata all'apprezzamento del giudice di merito, non censurabile in sede di legittimità se non per vizi della motivazione. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 25713/14. Da quanto si apprende dalla pronuncia appena indicata, nell'ambito della notifica di qualsiasi atto, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dei beni presso il debitore – Residenza fiscale persone fisiche residenza anagrafica e domicilio abituale