Quali i requisiti per ottenere un prestito?

Sono un frontaliere, assunto a tempo indeterminato dal 06/2016, attualmente percepisco un reddito netto mensile di circa 4000 euro. Vorrei richiedere un prestito di 10/15.000 euro per acquistare un'auto e avere un pò di liquidità. Nel 2011 ho avuto diversi problemi (rate di 2 finanziamenti non pagate e un debito con equitalia). Il primo finanziamento è stato saldato e il secondo è in via di definizione per saldo e stralcio. Per Equitalia, ho aderito alla rottamazione. La settimana scorsa ho richiesto visura CRIF e risulta in bianco. Secondo voi è possibile che venga accettata la mia richiesta da una finanziaria o è meglio che lascio perdere? Non ho la possibilità di inserire nessun garante.

E' strano che la visura CRIF non abbia dato alcun riscontro per il suo nominativo: dovrebbe almeno risultare la posizione dell'insoluto in via di definizione a saldo stralcio.

Evidentemente, il suo creditore originario non aveva segnalato a suo tempo l'inadempimento. Oppure il creditore originario non era inserito in alcun circuito SIC (Sistema di Informazioni creditizie) oppure aderisce a centrali rischi, diverse da EURISC CRIF, come CTC (Consorzio di Tutela del Credito) o Experian-Cerved: varrebbe la pena effettuare ispezioni anche in queste due importanti centrali di rischio.

Le problematiche con Equitalia, dal momento che le cartelle esattoriali non pagate non danno luogo, per fortuna, a segnalazioni nelle centrali rischi, non dovrebbero compromettere il suo credit score (merito creditizio): a meno che l'omesso versamento dell'importo iscritto a ruolo non abbia comportato un'azione esecutiva (pignoramento o ipoteca), nel qual caso resterebbe traccia negli archivi dei cattivi pagatori. Infatti i gestori dei SIC alimentano, spesso, i propri data bases con le informazioni prelevate dai tribunali.

Ora, ammesso che il suo nominativo non sia classificato come cattivo pagatore nei SIC, potrebbe nascere un ulteriore problema: l'assenza di segnalazioni positive rende diffidenti banche e finanziarie, se la richiesta di prestito proviene da un soggetto non più giovane, a meno che lei non sia stato occupato dall'età lavorativa ad oggi solo per periodi limitati e/o con contratti di lavoro a tempo determinato.

Tutto questo, assolutamente, non perché mi piaccia assumere il ruolo di iettatore, ma solo per tenerla informata sulle problematiche a cui potrà andare incontro (a mio parere, "viaggiare informati" costituisce sempre un vantaggio).

In ogni caso il tentativo va effettuato e la richiesta di prestito presentata: a volte è sufficiente che il funzionario a cui viene assegnata la pratica di istruttoria si distragga, oppure abbia altro a cui pensare quel giorno, e il prestito viene concesso.

Al primo tentativo eventualmente fallito non demorda: ci riprovi, avendo la sola accortezza di lasciar passare almeno sette mesi fra una richiesta andata male e la successiva. Infatti, per evitare che uno stesso debitore ottenga più prestiti da creditori diversi, ogni istanza di finanziamento viene registrata nei SIC e cancellata automaticamente decorsi 180 giorni. La richiesta di prestito presentata dal soggetto il cui nominativo risulti avere già una pratica in fase istruttoria viene inevitabilmente rigettata. Dopo un eventuale rifiuto, invece, la segnalazione è aggiornata e permane per altri 30 giorni in banca dati.

9 novembre 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

merito creditizio - credit score

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bollo auto non pagato » Tutto ciò che bisogna conoscere sulla sanatoria
Per quanto riguarda il bollo auto non saldato, ecco come è possibile aderire alla sanatoria, inclusa nella rottamazione di Equitalia, prevista per l'anno 2017. Anche per il bollo auto è possibile richiedere la rottamazione Equitalia. Ecco tutto quel che bisogna sapere su domanda, scadenze e regole da rispettare per richiedere ...
Rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia: scatta la seconda fase » Ecco gli importi complessivi da pagare per gli aderenti
Per quanto concerne la ormai famosa rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia, o definizione agevolata, si è appena giunti alla seconda fase, ovvero quella che prevede da parte da parte della società di riscossione la comunicazione degli importi complessivi da pagare per gli aderenti. Per poter meglio guidare i contribuenti ...
Definizione agevolata bis delle cartelle esattoriali dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione » 6 cose da sapere assolutamente
In merito alla definizione agevolata (o rottamazione) bis delle cartelle esattoriali proposta dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione, vi proponiamo sei possibili domande che la maggior parte di voi si sta chiedendo: ecco le risposte che cercavate da tempo. Non ho pagato la prima (o unica) rata di luglio, né la seconda di ...
Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda
Nel caso di domande per il bonus bebé respinte perchè non è stato reperito un ISEE valido oppure perchè dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca