Relativo a chi vende la propria casa avendo molti debiti

I miei genitori hanno diversi debiti sia con creditori privati e fisco-contributivi.

Hanno messo in vendita la casa per riparare il più possibile la situazione. Un possibile acquirente, andando in banca per chiedere il mutuo per l'acquisto, ha ricevuto un'informazione dal bancario il quale sostiene che, a partire dal 2016, se il debitore non salda tutti i propri debiti, la vendita viene annullata con conseguente perdita della caparra dell'acquirente. Naturalmente questo frena l'acquirente.

La domanda è: ciò di cui parla il bancario è la normale questione sulla revocatoria già conosciuta, oppure dal 2016 ci sono delle novità sull'argomento e l'azione revocatoria ha subito sostanziali modifiche?

Naturalmente, data la scarsità di informazioni e di riferimenti di legge precisi e concordanti, non è possibile comprendere con certezza cosa avesse in mente il bancario, cosa abbia effettivamente riferito all'acquirente e cosa abbia riportato l'acquirente ai suoi genitori, debitori e potenziali venditori.

Possiamo solo supporre che il bancario si riferisse all'articolo 2929 bis del codice civile introdotto dalla legge 83/15, in vigore dal 27 giugno 2015, che suona così: Art. 2929-bis (Espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilità o di alienazioni a titolo gratuito) - Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorchè non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto è stato trascritto. La disposizione di cui al presente comma si applica anche al creditore anteriore che, entro un anno dalla trascrizione dell'atto pregiudizievole, interviene nell'esecuzione da altri promossa.

Quando il pregiudizio deriva da un atto di alienazione, il creditore promuove l'azione esecutiva nelle forme dell'espropriazione contro il terzo proprietario. Il debitore, il terzo assoggettato a espropriazione e ogni altro interessato alla conservazione del vincolo possono proporre le opposizioni all'esecuzione di cui al titolo V del libro III del codice di procedura civile quando contestano la sussistenza dei presupposti di cui al primo comma, nonchè la conoscenza da parte del debitore del pregiudizio che l'atto arrecava alle ragioni del creditore.

In pratica, la preventiva azione revocatoria che il creditore deve promuovere innanzi al giudice, in caso di alienazione dell'immobile di proprietà del debitore ad un terzo acquirente, per ottenere la declaratoria di inefficacia dell'atto, non è più necessaria stante il verificarsi di determinate condizioni.

Infatti, qualora abbia trascritto il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto di compravendita è stato perfezionato innanzi al notaio, il creditore può agire con l'azione esecutiva di espropriazione e vendita all'asta direttamente nei confronti dell'acquirente.

L'acquirente può opporsi al giudice dell'esecuzione e comunque, per portare a termine, con successo, l'espropriazione dell'immobile compravenduto, il creditore dovrà sempre dimostrare che l'acquirente era consapevole di arrecare, con il suo acquisto, un danno consistente nell'impedimento di poter ottenere il rimborso del debito attraverso l'escussione coattiva.

Il risvolto delle nuove disposizioni è soprattutto psicologico: è l'acquirente ad essere chiamato direttamente in causa dall'eventuale azione esecutiva del creditore e non è invece il debitore venditore a dover opporsi all'azione revocatoria dell'atto di alienazione.

In ogni caso, non è facile dimostrare che il terzo acquirente fosse a conoscenza dello stato di insolvenza del debitore ed in combutta con questi abbia posto in essere un comportamento finalizzato a pregiudicare la riscossione coattiva del credito vantato. Soprattutto se il bene è stato acquistato a prezzo di mercato, il passaggio di denaro legato alla compravendita risulta tracciabile, l'acquirente non è parente o affine del debitore che aliena il bene, il terzo acquirente utilizza l'immobile acquistato come abitazione principale propria o dei suoi familiari.

3 marzo 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ordina un modello di autovettura ma il concessionario gli propone un allestimento diverso - L'acquirente ha diritto al doppio della caparra versata
Può capitare di sottoscrivere, presso un concessionario, un contratto per la fornitura una autovettura con allestimento completo di determinati e specifici accessori e versare contestualmente un caparra a fronte dell'ordine effettuato. Può accadere che, successivamente, il venditore riferisca di non potere adempiere all'ordine in quanto il modello acquistato non è ...
Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile
La somma di denaro che, all'atto della conclusione di un contratto preliminare di compravendita, l'acquirente consegna al venditore a titolo di caparra confirmatoria, assolve la funzione, in caso di successiva risoluzione del contratto per inadempimento, di preventiva liquidazione del danno per il mancato pagamento del prezzo, mentre il danno da ...
Azione revocatoria di compravendita » Sono sufficienti semplici elementi indiziari
In merito all'azione revocatoria, nella compravendita di un immobile, sono sufficienti anche meri elementi indiziari per provare la vendita fittizia dell'edificio. Nell'ambito dell'azione revocatoria ordinaria di un atto di compravendita, infatti, la partecipatio fraudis è provata da un quadro di elementi indiziari che valorizzano l'anomalia del comportamento delle parti, costituita ...
Prezzo valore – effetti derivanti dal meccanismo
Diritti di prelazione I terzi che per legge o per contratto hanno un diritto di prelazione sul bene immobile oggetto di vendita, possono esercitare la prelazione stessa, o riscattare il bene già venduto, al prezzo dichiarato nell'atto di vendita, senza che il compratore possa pretendere la restituzione del prezzo realmente ...
Acconto e caparra confirmatoria » Quali sono le differenze?
Caparra confirmatoria e acconto: che differenza c'è? Quando parliamo di “acconto” o di “caparra” ci riferiamo sempre ad un anticipo di denaro sul pagamento di un prezzo. Ma la differenza tra caparra e acconto, sia sotto l'aspetto tributario che del rapporto tra le parti, è sostanziale, e di conseguenza non ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca