Regime patrimoniale coniugi e pignoramento

Prendiamo in esame queste due situazioni, prima e dopo il matrimonio di due soggetti entrambi senza alcun debito oppure in cui solo uno dei due ha dei debiti.

1) Prima del matrimonio: 2 persone senza alcun debito. I due si sposano con separazione dei beni. Successivamente uno dei due contrae dei debiti;

2) Prima del matrimonio: uno dei due ha dei debiti. Al debitore sono state notificate varie cartelle equitalia ed inoltre la stessa ha avviato l'iter per il fermo amministrativo dell'auto intestata al debitore (sempre prima del matrimonio). I due si sposano con separazione dei beni.

In entrambi i casi le domande sono: cosa può accadere al coniuge non debitore a valle del matrimonio? basta la separazione dei beni a proteggerlo?

Cioè quello che non capisco, se tutte quelle azioni che, di solito, sono utilizzate dalla parte non debitrice a "difendersi" dalle azioni sul debitore (es. separazione dei beni, fatture di mobili intestate al "non debitore", cambio residenza del debitore,...) avvengono "per natura" dopo che al debitore sono arrivate notifiche di cartelle e sono state avviate tutte le procedure esecutive previste; la parte "non debitrice" è comunque "protetta"?? In questi casi il fatto che la separazione dei beni, la fatturazione dei mobili, il cambio residenza, ecc. sono state fatte in data certa successiva alla notifica di cartelle non causa nulla???

Scusatemi se mi sono dilungato, ma leggendo un po' di post ho un po' di confusione sull'argomento....
Grazie mille.

Un approccio razionale al problema giustifica tutti i dubbi.

Nel caso specifico del regime economico patrimoniale adottato da due coniugi possiamo semplificare affermando che anche con la separazione dei beni vale un principio elementare. Dei debiti di uno dei due coniugi ne risponde anche l'altro, se essi sono stati contratti nell'interesse della famiglia. Ma è onere del creditore provare, ad esempio, che il prestito personale, il mancato versamento di contributi INPS o dell'IRPEF dovuta, sia stato utilizzato per soddisfare i bisogni familiari. E' chiaro che il debitore eventualmente chiamato a rispondere affermerà, nella quasi totalità dei casi, che quei soldi sono stati spesi al casinò o con l'amante di turno ...

Per quel che attiene la data in cui la registrazione di un atto di comodato degli arredi presenti in casa del debitore possa avere efficacia rispetto ad un'azione esecutiva come il pignoramento, si ritiene che possa essere presa a riferimento la data della notifica del titolo esecutivo (decreto ingiuntivo, cartella esattoriale, avviso di accertamento immediatamente esecutivo). E' inutile registrare un contratto di comodato gratuito in data successiva alla notifica di un decreto ingiuntivo o di una cartella esattoriale. Ma, spesso, se il creditore non è determinato e non ingiunge all'ufficiale giudiziario di procedere comunque nel pignoramento, minacciando uno strascico legale, l'escamotage può funzionare comunque.

Per il resto, bisogna esaminare la questione di volta in volta.

Nel caso, ad esempio, di una fideiussione prestata da uno dei due coniugi, la giurisprudenza parla chiaro. L'avvenuta separazione dei beni, o la costituzione del fondo patrimoniale, deve essere annotata sull'atto di matrimonio perchè chi accetta la fideiussione deve sapere (o, almeno, deve averne la possibilità) se può o meno rivalersi anche sul coniuge.

14 maggio 2012 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento
pignoramento Equitalia o ADER

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando si scioglie la comunione dei beni fra coniugi
La comunione dei beni fra coniugi si scioglie per la dichiarazione di assenza o di morte presunta di uno dei coniugi, per l'annullamento, per lo scioglimento o per la cessazione degli effetti civili del matrimonio, per la separazione personale, per la separazione giudiziale dei beni, per mutamento convenzionale del regime ...
Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte
Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one? a. I beni di proprietà del coniuge prima del matrimonio. b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredità. c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge. d. I beni che servono all'esercizio della professione di ...
Fondo patrimoniale e separazione legale dei coniugi
Condizione necessaria per la costituzione del fondo è, come sappiamo, l'esistenza di un regolare matrimonio fra i soggetti costituenti. La semplice separazione legale non comporta la cessazione degli effetti verso terzi della costituzione del fondo patrimoniale. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso ...
Separazione dei beni - è opponibile al creditore solo se annotata sull'atto di matrimonio
Non è opponibile al creditore che agisce in esecuzione la separazione dei beni tra i coniugi se manca l'annotazione a margine dell'atto di matrimonio. In tal senso si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza numero 11319/2011. Secondo la Cassazione, qualora risulti che al momento del pignoramento del ...
Separazione e divorzio - Esenzione dalle imposte di registro ipotecaria e catastale per tutti gli atti di trasferimento della proprietà immobiliare fra coniugi o a favore dei figli
Com'è noto, la normativa vigente (articolo 19 della legge 74/1987) stabilisce che tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonchè ai procedimenti anche esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corresponsione o la revisione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca