Reddito di cittadinanza per 54.enne disoccupato convivente con madre pensionata

Ho 54 anni, sono disabile al 100%, senza reddito, residente sulla carta con mia madre di 80 anni, pensionata. Il mio Isee è quello totale del nucleo familiare? Cioè quello di mia madre di 12.000 €uro? In tal caso, nonostante la mia situazione di disoccupato e senza nessun reddito, non avrei diritto al reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza viene erogato al nucleo familiare: e per individuare il nucleo familiare è fondamentale la residenza (stato di famiglia) sulla carta. Il nucleo familiare in cui lei è incluso è formato da lei e sua madre.

Il primo requisito che il nucleo familiare deve rispettare, per aver diritto al reddito di cittadinanza, è che il reddito ISEE sia inferiore a 9360 euro annui: e qui ci potremmo anche essere dal momento che il reddito ISEE, se non vi sono patrimoni immobiliari e mobiliari (e su questo aspetto lei non fornisce elementi) detenuti dai componenti del nucleo familiare, coincide praticamente con il reddito di sua madre pensionata diviso per la scala di equivalenza corrispondente (nella fattispecie, diviso per 1.57).

Tutto questo per dire che, comunque, per rispondere al suo quesito, deve essere innanzitutto calcolato l’ISEE del nucleo familiare con la presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), che deve risultare minore di 9.360 euro.

Ma, non basta: qualora il nucleo familiare risieda in una abitazione in locazione, il reddito familiare percepito dal nucleo familiare (diverso, dal reddito ISEE del nucleo familiare) deve essere inferiore a:
– 9.360 mila euro annui in caso di nucleo formato da un solo componente.
– 9.360 euro annui incrementato di 3.744 euro per ogni ulteriore componente di età maggiore di anni 18 e di 1.872 euro per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 19.656 euro.

Anche questo requisito dovrebbe esser rispettato dal nucleo familiare a cui lei appartiene, considerando che 9.360 + 3.744 = 13.104.

La brutta notizia, però, sta nel fatto che il reddito mensile di cittadinanza è una integrazione al reddito mensile percepito dal nucleo familiare. Allora se consideriamo che il reddito mensile di sua madre si aggira intorno ai mille euro/mese, non ci sarebbe integrazione della componente reddituale, posto che per due componenti è prevista una integrazione del reddito a 700 euro per il nucleo familiare che percepisce un reddito inferiore a tale soglia. Il suo nucleo familiare potrebbe, tuttavia, beneficiare di un contributo per l’affitto fino a 280 euro, qualora il contratto di locazione sia stato registrato e il canone risulti superiore a 280 euro.

28 Gennaio 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza - Qual è il nucleo familiare di una madre single convivente con i propri genitori e con un figlio minore?
Ad aprile parte il reddito di cittadinanza, ai fini del calcolo isee, non riesco a stabilire il mio nucleo familiare. Sono una madre single con minore a carico, riconosciuto dall'altro genitore ma non convivente con noi, in quanto separati, ma mai sposati, io e mio figlio viviamo con i miei genitori, qual è il nostro nucleo familiare ai fini isee? ...

Reddito di cittadinanza - Nucleo familiare di madre coniugata con marito non convivente
In merito ai nuovi requisiti per il reddito di cittadinanza, un genitore single che vive con il figlio insieme ai nonni, che non ha mai avuto la separazione legale, ma che comunque prende un piccolo mantenimento stabilito in concordato con tanto di ricevute e firme, come deve comportarsi? Eventualmente si può escludere il minore dal nucleo per permettere ai nonni e alla madre di ottenere il reddito di cittadinanza con isee ordinario senza isee minorenni? ...

Modifica DSU e reddito di cittadinanza - Caso di nucleo familiare di madre convivente con i minori il cui padre naturale non convivente ha anche figli con altra donna
Sono una madre nubile, disoccupata, e vivo sola con i miei tre figli minorenni in un appartamento in comodato d'uso gratuito: Luigi, padre dei bambini, contribuisce al loro sostentamento in base a nostri accordi privati. Ho presentato domanda di reddito di cittadinanza e mi è stata rigettata in quanto i redditi miei e dei figli sono stati sommati a quelli di Luigi, come se fossimo un unico nucleo, risultando così sopra soglia. Luigi ha però anche un altro figlio minore che vive con l'ex moglie e per entrambi ha versato mensilmente assegni di mantenimento, nel 2017, così come stabilito da ...

Dove mi trovo?