Reddito di cittadinanza e cambio di residenza da una casa di proprietà ad un’altra in affitto (o in comodato)


Cambio residenza, reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza

Ho fatto richiesta di Reddito di Cittadinanza, posseggo tutti i requisiti e nel mio stato di famiglia risulto solo io: probabilmente la mia richiesta sarà sicuramente accettata. Ma ora vorrei concedere in comodato d’uso gratuito il mio appartamento (sono il proprietario appunto) a mio cugino con la sua ragazza. Io andrei, nello stesso quartiere, nella mansardina dei miei, che si è liberata ci potrebbero essere dei problemi per il RDC? Sarebbe compromesso così?

Quando si richiede il reddito di cittadinanza, come sappiamo, viene analizzata la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per determinare l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare a cui il richiedente appartiene.

Uno dei requisiti per accedere al beneficio del reddito di cittadinanza è il valore, ai fini IMU, di una eventuale casa di proprietà (patrimonio immobiliare) diversa dalla casa di abitazione, che non deve risultare superiore ad una soglia di euro 30 mila (articolo 2, comma 1, lettera b, punto 3, decreto legge 4/2019).

In pratica, se il nucleo familiare risiede nella casa di proprietà (di uno dei suoi componenti), quando si calcola il patrimonio immobiliare ISP, dal valore IMU dell’appartamento viene sottratta una franchigia di 52 mila euro. Altrimenti, qualora uno dei componenti richiedente il reddito di cittadinanza, risultasse possedere una casa di proprietà, non occupata dal nucleo familiare di appartenenza, tale meccanismo di detrazione non verrebbe applicato.

Pertanto, ammesso che le sia concesso il reddito di cittadinanza pur essendo proprietario della casa in cui risiede, una volta acquisito in affitto (o in comodato) altra abitazione e stabilitavi la residenza, lei rischia di perdere il beneficio, dal momento che il suo patrimonio immobiliare risulterebbe, quasi sicuramente, superiore a 30 mila euro.

12 Aprile 2020 · Genny Manfredi

Se solo per un periodo concedessi in comodato d’uso gratuito il mio appartamento, (ed io trovassi altra sistemazione) quindi senza cambiare la mia residenza, il reddito di cittadinanza verrebbe compromesso?

Se lei, richiedente RDC, non cambia residenza e se nemmeno il comodatario acquisisce residenza presso la casa messagli a disposizione dal comodante (richiedente RDC), allora nulla cambia ai fini della fruizione del beneficio.

13 Aprile 2020 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 135 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Reddito di cittadinanza e cambio di residenza da una casa di proprietà ad un’altra in affitto (o in comodato). Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.