Reddito cittadinanza – cosa si intende per regolare corso di studi?

Io e la mia ragazza, conviventi ma entrambi disoccupati, vogliamo fare domanda di reddito di cittadinanza.

Tutti e due siamo iscritti, dallo scorso anno, a una scuola (biennale) di Archivistica, Paleografia e Diplomatica, terminata la quale diventeremo archivisti. La Scuola è di grado parauniversitario e statale.

Dobbiamo ugualmente sottoscrivere il patto di disponibilità al lavoro o siamo per il momento esonerati?

L’erogazione del Reddito di Cittadinanza é condizionata alla Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) al lavoro da parte dei componenti il nucleo familiare maggiori di età: tuttavia, sono esclusi da tale obbligo i maggiorenni già occupati o frequentanti un regolare corso di studi.

Infatti, l’articolo 4 (Patto per il lavoro e Patto per l’inclusione sociale), comma 2 del decreto legge 4/2019 (Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni), stabilisce che sono tenuti agli obblighi di cui al presente articolo tutti i componenti il nucleo familiare che siano maggiorenni, non già occupati e non frequentanti un regolare corso di studi.

Nel concetto di regolare corso di studi, l’ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro) precisa che possono essere incluse le casistiche seguenti:
a) l’iscrizione e regolare frequenza ad una scuola secondaria superiore di secondo grado (licei, Istituti tecnici, Istituti professionali, Istituti d’arte, Istituti magistrali);
b) l’iscrizione e regolare frequenza ad un corso di istruzione e formazione professionale o istruzione e formazione tecnica superiore (IeFP, IFTS);
c) l’iscrizione ad un corso istruzione terziaria (laurea, ITS);
d) l’iscrizione ad un corso di specializzazione (master) o di dottorato. Con riferimento agli iscritti a un corso di laurea, di specializzazione o dottorato, possono essere considerati regolari gli studenti iscritti da un numero di anni pari o inferiore alla durata normale del corso di studi, aumentata di un anno (fuori corso).

Il patto è finalizzato a perfezionale l’adesione degli appartenenti al nucleo familiare beneficiario ad un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale che può prevedere attività di servizio alla comunità, per la riqualificazione professionale o il completamento degli studi nonché altri impegni finalizzati all’inserimento nel mercato del lavoro e all’inclusione sociale.

In quella sede e nell’occasione si potrà verificare la regolarità del corso di studi frequentato, chiedendo l’esonero dagli obblighi appena sopra indicati.

20 Dicembre 2020 · Lilla De Angelis



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?