Recupero crediti esattoriali ed ordinari per cittadino italiano che risiede e lavora all'estero ma che non è iscritto all'AIRE

Ho maturato in Italia diversi debiti sia con aziende private (tot 40-50 mila euro), sia con Agenzia Entrate 3-4 mila euro, sia con una partecipata dello Stato. Da tutti o quasi ho ricevuto ingiunzioni all'indirizzo italiano in cui risulto residente.

Ora risiedo e lavoro in Portogallo e per ovvie ragioni non ho dichiarato i redditi in Italia. Quali sono le possibilità che questi enti decidano di attuare un'azione di recupero in terra straniera? Quali i tempi? L'azione dovrebbe essere avallata da un giudice locale? Come potrei tentare di proteggere il mio stipendio portoghese, considerato che sarebbe l'unico bene attaccabile visto che non ho altri beni e quel poco che ho è intestato a mia moglie (separazione dei beni)?

Da un precedente intervento emerge che lei non è iscritto all'AIRE: risulta, pertanto, ancora residente in Italia ed è irreperibile alla notifica di atti giudiziari relativi a contenzioso civile e tributario.

Al momento questa ci sembra una buona mossa per tutelare il suo stipendio portoghese da eventuali aggressioni dei creditori italiani, esattoriali e non.

Per il resto, non siamo in grado di effettuare calcoli affidabili sulla probabilità congiunta che un creditore decida di affidarsi ad una agenzia investigativa e che quest'ultima riesca ad individuare la sua residenza all'estero ed il datore di lavoro portoghese, terzo debitore del debitore italiano.

Tuttavia, qualora ciò avvenisse, in ambito UE, per crediti ordinari, è prevista l'emissione di un decreto ingiuntivo europeo, (qui trova informazioni ulteriori), mentre per i crediti fiscali sono ormai consolidati gli accordi di mutua cooperazione, nella fase di accertamento e riscossione coattiva, fra l'Agenzia delle Entrate italiana e gli omologhi organismi governativi europei.

Di tempi, manco a parlarne.

In ogni caso, dal momento che i creditori sono italiani e i debiti sono stati acquisiti in Italia, la quota pignorabile del suo stipendio portoghese non potrà eccedere il 20% della retribuzione al netto degli oneri fiscali (secondo la normativa italiana).

2 aprile 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fisco tributi e contributi
recupero crediti
riscossione coattiva transfrontaliera

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Adesso l'ufficiale giudiziario ha diritto ad un compenso commisurato al recuperato - In pratica lavora per il creditore ed è controparte del debitore
Quando si procede alle operazioni di pignoramento presso terzi o di pignoramento mobiliare, gli ufficiali giudiziari sono retribuiti mediante un ulteriore compenso, che rientra tra le spese di esecuzione ed è dimezzato nel caso in cui le operazioni non vengano effettuate entro quindici giorni dalla richiesta, stabilito dal giudice dell'esecuzione: ...
Equitalia » Fuori le carte di chi ha iscritto ipoteche per crediti sotto 8.000 euro
Ora Equitalia deve pubblicare le carte e i nomi di chi ha iscritto le ipoteche per crediti sotto gli 8 mila euro. Dopo il procedimento penale a carico del funzionario dell'agente della riscossione originato dalla querela del contribuente a causa dell'iscrizione ipotecaria effettuata sull'immobile di proprietà di quest’ultimo per crediti ...
Recupero crediti condominiale » Prima la mediazione
Le azioni condominiali di recupero crediti sono assoggettabili al tentativo di conciliazione obbligatoria. Per quanto riguarda le liti condominiali, prima di procedere al recupero crediti, è necessario esperire il tentativo di conciliazione, a pena d'improcedibilità'dell'azione giudiziale. La domanda che più frequentemente ci si pone, però, è quali siano i ...
Il recupero crediti - dalla fase stragiudiziale al pignoramento
Il recupero crediti è un'attività che mira ad ottenere il pagamento di un credito (totale o parziale), sia quando il debitore rifiuta di onorarlo, sia quando si trova in una situazione di momentanea difficoltà ad adempiere la propria obbligazione. In ogni caso, prima di intraprendere la via giudiziaria (causa in ...
Stati esteri dove il pensionato italiano può acquisire residenza ottenendo un trattamento fiscale di favore
Sono imponibili comunque in Italia le pensioni corrisposte a persone non residenti dallo Stato italiano, da enti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso. Con alcuni Paesi sono in vigore Convenzioni per evitare le doppie imposizioni sul reddito, in base alle quali le pensioni corrisposte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca