Redditi da indicare nell'ISEEU per uno studente

Io ho un caso particolare: mi devo iscrivere al secondo anno all'università, e dovrei presentare l'ISEE.

L'anno scorso, fino a ottobre abitavo insieme a mia madre e quindi avevo la residenza insieme a lei, dopodichè mi sono trasferito in un altra abitazione, dove sono residente io e un'altra persona. Voglio precisare che lavoro dal 2011 e ho un reddito sufficiente per essere autonomo.

Sinceramente non capisco i redditi di chi devo indicare nell'ISEEU oltre al mio, quelli di mia madre, la persona con cui ho la residenza o entrambi?

Lo studente fa parte del nucleo dei genitori, anche se non convivente anagraficamente con essi, a meno che non si dimostri la sua effettiva autonomia sulla base della sussistenza di entrambi i seguenti requisiti:

  1. residenza fuori dall'unità abitativa della famiglia di origine, da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda di iscrizione per la prima volta a ciascun corso di studi, in alloggio non di proprietà di un membro della sua famiglia di origine;
  2. presenza di una adeguata capacità di reddito pari a 7.212 euro al lordo degli oneri deducibili.

Se non sono congiuntamente rispettati i requisiti appena elencati, allora nella Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'Università (DSU/ISEEU) vanno inseriti i redditi relativi all'anno di imposta 2014 (dichiarazione dei redditi 2015) dei componenti il nucleo familiare dei genitori (compresi quelli percepiti nel 2014 dallo studente).

Se, invece i requisiti di autonomia economica dello studente sono soddisfatti, allora lo studente deve chiedere all'anagrafe il proprio stato di famiglia ed indicare nella DSU/ISEEU i redditi dei componenti la propria famiglia anagrafica (compresi quelli prodotti nel 2014 dallo studente stesso).

16 luglio 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ISEEU
redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi - la detrazione per coniuge a carico
E' considerato fiscalmente a carico, il coniuge, non legalmente ed effettivamente separato, che nell'anno di imposta oggetto della dichiarazione ha percepito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Nel limite di reddito di 2.840,51 euro che il coniuge non deve superare per essere ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Agevolazioni fiscali prima casa - In regime di comunione dei beni, per fruire del beneficio, è sufficiente che uno solo dei due coniugi trasferisca la residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile acquistato
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, l'acquirente si obbliga a trasferire la propria residenza entro diciotto mesi dal rogito notarile nel Comune in cui l'immobile è ubicato. Tuttavia, come hanno ribadito i giudici della Corte di cassazione (sentenza 1494/16) il requisito della residenza, nel caso di ...
Nulla la notifica del verbale di multa effettuata presso l'abitazione della madre del destinatario
E' nulla la notifica di un verbale di multa, per infrazione al Codice della strada, consegnato alla madre del destinatario, non nella abitazione di quest'ultimo ma nella abitazione della madre. Secondo i giudici della Corte di cassazione (sentenza numero 7830/15) non basta che la persona cui sia stato consegnato l'atto ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca