Recupero TFR in caso di datore di lavoro non fallibile

Argomenti correlati:

Sono stata licenziata a novembre 2011 ma non ho percepito il TFR poiche il mio datore di lavoro e’ scappato lasciando la società formalmente attiva ma senza nessun tipo di attività effettiva. Essendo l’unica dipendente non ho potuto proporre fallimento.

Ho provato a riscuotere tramite avvocato e fare le procedure consentite ma ovviamente non avendo nulla nulla ho ottenuto. Ora mi hanno detto che il fondo inps e’è attivi anche per chi non fa parte di un fallimento. E’ vero? Sono ancora in tempo?

Per ottenere la prestazione del pagamento del TFR tramite il Fondo di Garanzia dell’INPS e’ necessaria una domanda amministrativa, domanda che può essere presentata, in caso di datore di lavoro non soggetto a procedura fallimentare, solo dopo la formazione di un titolo esecutivo e l’esperimento infruttuoso, in tutto o in parte, dell’esecuzione forzata.

La prescrizione del diritto a percepire il proprio TFR è quinquennale (art. 2948, comma 5, c.c.): i cinque anni decorrono dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. Quando il diritto al TFR è riconosciuto da sentenza di condanna passata in giudicato si prescrive in dieci anni (art. 2953 codice civile).

12 Marzo 2016 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

In caso di fallimento del datore di lavoro il Fondo di garanzia INPS paga il TFR solo se c'è stata insinuazione al passivo
Nel febbraio 2017 la ditta (SaS) presso cui lavoro chiude, senza pagarmi le ultime 8 buste paga nè il TFR: per accedere al fondo di garanzia INPS, mi rivolgo ad un avvocato che avvia le pratiche (pignoramento, decreto ingiuntivo) necessarie. Nel frattempo il datore viene dichiarato fallito con chiusura anticipata del fallimento per assenza di attivo; la nostra richiesta di insinuazione - tardiva - nel passivo del fallimento infatti non viene accolta in quanto il fallimento è stato immediatamente chiuso. L'INPS accoglie la mia domanda ma, ahimè, nel ricorso per decreto ingiuntivo l'avvocato erroneamente fa riferimento solo alle mensilità non ...

Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, per completezza, che un imprenditore non è soggetto a fallimento se possiede, congiuntamente, i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver ...

In caso di fallimento del datore di lavoro il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS è subordinato all'ammissione del credito del lavoratore allo stato passivo (insinuazione al passivo)
In caso di fallimento del datore di lavoro, il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS richiede, secondo la disciplina della legge 297/1982, articolo 2, che il lavoratore assolva all'onere di dimostrare che è stata emessa la sentenza dichiarativa di fallimento e che il suo credito è stato ammesso allo stato passivo, senza che questo requisito possa essere escluso a seguito della dimostrazione, da parte del lavoratore, che la mancata insinuazione nel passivo fallimentare del suo credito è addebitabile alla incolpevole non conoscenza da parte sua dell'apertura della procedura fallimentare, poiché la legge ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero TFR in caso di datore di lavoro non fallibile