Causa dipendenti

dipendenti ministeriali abbiamo vinto una causa nel 2008 per riconoscimenti stipendiale ed il ministero ha concesso gli aumenti, quindi io che ero in pensione dal 2007 ho percepito nel tempo dal 2008 al 2010 sia gli aumenti dal ministero che gli aumenti dall'inpdap per ricostruzione pensione .In appello abbiamo perso,siamo ricorsi in cassazione ma intanto il ministero ci ha richiesto la restituzione del percepito circa 40.000 euro lordi e dovrò ridare anche all'inpdap altri 20.000 euro circa lordi per ricostruzione pensione, dal momento della comunicazione del ministero, un totale enorme.

Poichè l'irpef sia il ministero che l'inpdap ce l'hanno trattenuta subito dovremo riaverla credo ma non so come.

Prima domanda : è vero che il massimo della rata sulla mia pensione è di un quinto e che non possono sospendere l'intera pensione e che non ci sono nuove leggi che hanno cambiato questa regola?

Domanda seconda: sul 730 dovrò inserire una certificazione dell'inpdap per l'anno in cui mi faranno le trattenute, che presumo decorrano dal 1.1.2012, per riavere il rateo dell'irpef a suo tempo già pagata tutta insieme? Come faccio a chiedere all'inpdap questa certificazione?

Potranno prelevare dalla sua pensione, al massimo, un quinto dell'importo netto del rateo mensile (quello già decurtato dagli aumenti prima concessi e poi revocati in virtù delle sentenze).

Per quanto attiene gli aspetti fiscali la cosa più semplice che l'INPDAP (sostituto d'imposta) possa fare è quella di calcolare l'IRPEF sull'imponibile già decurtato della trattenuta che andrà ad applicare per recuperare gli importi erogati e non dovuti.

In questo modo si realizzerà una sorta di compensazione con la maggiore IRPEF prelevata negli anni precedenti.

20 novembre 2011 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale
Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati. I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: ...
Accesso alla pensione di invalidità - Dal 28 giugno 2013 si prende in considerazione il solo reddito del richiedente
La legge 99/13 dispone che il limite di reddito per il diritto alla pensione di inabilità in favore dei mutilati e degli invalidi civili è calcolato con riferimento al reddito agli effetti dell'IRPEF con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa ...
Mutui agevolati INPS per dipendenti pubblici in servizio o in pensione
Le abitazioni per le quali può essere erogato il mutuo devono essere ubicate sul territorio italiano e non devono avere le caratteristiche di abitazione di lusso, così come definite dal Decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 agosto 1969 e successive modificazioni ed integrazioni. ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Attribuzione della pensione di invalidità - per il requisito reddituale conta l'anno da cui decorre la prestazione
Ai fini dell'accertamento del requisito reddituale previsto per l'attribuzione della pensione di inabilità deve farsi riferimento all'anno da cui decorre la prestazione e deve tenersi conto non solo del reddito personale dell'invalido, ma anche di quello eventuale del coniuge fino alla data di entrata in vigore del decreto legge 76/13 ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca