Recupero credito dopo causa civile

Ho acquistato un appartamento nel mese di luglio 2013, l'appartamento si trova al superattico e si trova sul lastrico solare del palazzo: il mio architetto si rende conto che l'appartamento è in realtà un lavatoio.

Faccio causa ai venditori e al momento il giudice ha chiesto una consulenza tecnica di ufficio. I venditori sono 2 ed entrambi sono proprietari di un appartamento, ma temo che si possano sbarazzare delle loro proprietà per non pagare.

Sto rischiando di rimanere senza casa e senza soldi quali sono le azioni da intraprendere per ridurre al mìnimo questo rischio?

Proprio per ovviare alla circostanza che, durante il tempo occorrente per ottenere la tutela giurisdizionale, le condizioni patrimoniali o di fatto della parte debitrice mutino (e, a seguito di tale mutamento, venga compromessa la fruttuosità della tutela giudiziaria invocata) è possibile presentare al giudice di merito apposita istanza finalizzata ad ottenere, ad esempio, un sequestro conservativo dei beni di proprietà dei due presunti debitori.

Ma, sicuramente, l'avvocato che l'assiste avrà già provveduto in tal senso e la domanda sarà stata rigettata.

19 dicembre 2015 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I criteri di ripartizione delle spese
Le spese di amministrazione è di gestione vengono ripartite fra i proprietari in base a precisi criteri di ripartizione. I criteri legali prevedono un obbligo contributivo in base alle quote di proprietà (millesimi). Per certe spese (ascensore, riscaldamento, consumo acqua) esistono criteri di ripartizione specifici. In sostanza per modificarle è ...
Contratti di locazione » Va risarcito il conduttore per l'affare perso a causa della consegna tardiva dell'immobile affittato
Contratti di locazione: il locatore va risarcito dal conduttore se, a causa del ritardo nella consegna dell'immobile in concessione, ha perso la possibilità di vendere o riaffittare l'appartamento. In tema di locazione di immobili, una volta che l'attore abbia provato l'esistenza di una favorevole occasione di vendere o di locare ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Agevolazioni prima casa » coniuge in regime di comunione - titolari di nuda proprietà ed altro
Coniuge in regime di comunione legale Nel caso in cui due coniugi, in regime di comunione legale, acquistino un appartamento da adibire ad abitazione principale, ma solo uno dei due possiede i requisiti soggettivi per fruire dell'agevolazione prima casa - in quanto, per esempio, l'altro ha già fruito dell'agevolazione in ...
Ricorso all'arbitro bancario finanziario nelle controversie con gli istituti di credito » Più conveniente di una causa civile
Sempre più usato lo strumento del ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario da parte dei consumatori che devono contestare un comportamento illecito ad una banca: oneri minori, più velocità nelle sentenze e non obbligatorietà della difesa di un legale. Non si ferma il successo dell'Arbitro bancario finanziario presso il pubblico dei risparmiatori. ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca