Recupero Credito da Familiare - Risvolti

Tre anni or sono ho prestato i miei risparmi ad una sorella con una ditta individuale -a lei intestata- in difficoltà, la quale ora non mi degna neanche di una risposta al telefono, malgrado mi sia sempre comportato bene con lei. Ora devo provvedere, però, ad un'emergenza di salute, e quei soldi (58 mila euro) mi servono assolutamente per curarmi negli USA.

Il fatto è che non vi è traccia bancaria di nessuna transazione, in quanto , letteralmente, ho preso i miei risparmi dall'armadio e glieli ho consegnati. Solo una scrittura privata dell'epoca, scritta dall'avvocato e da noi due firmata, testimonia la transazione.

Essendo mia sorella, stupidamente mi sono fidato. Ora lei ha un debito di 98mila euro con una banca, la quale tra poco si attiverà certamente per riavere il suo credito sul suo stipendio. Mia sorella lavora come dipendente a tempo indeterminato in un'azienda di catering.

Vorrei precettare mia sorella, ma mi hanno risposto che è anche penalmente rischioso in quanto la banca potrebbe denunciarci sia per simulazione di contratto (civile) che per truffa (penale), visto che non è provabile la transazione, e il giudice potrebbe propendere per una simulazione, appunto, per sottrarre la sua fetta di stipendio alla banca. A questo punto mi rivolgo a Voi, perché devo curarmi, ma non vorrei nemmeno un ingiusto procedimento penale a mio carico per un reato che non ho commesso!

Abbiamo una scrittura privata, non registrata, che attesta l'esistenza di un credito rilevante del fratello nei confronti della sorella; del passaggio di somme di denaro fra fratello e sorella non c'è traccia e, per giunta, la debitrice è in procinto di essere escussa dalla banca.

Come lei stesso scrive, la richiesta di un decreto ingiuntivo al giudice, per poter poi avviare il pignoramento dello stipendio della debitrice, comporta il grave rischio di una denuncia per dissimulazione, finalizzata a spostare avanti nel tempo il rimborso del credito vantato dalla banca nei confronti di sua sorella.

Nella situazione da lei descritta, non resta altro da fare che tentare di risvegliare in sua sorella la "pietas" per il fratello malato.

10 giugno 2014 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Successione: prescrizione dell'azione del legittimario che contesta precedenti donazioni fatte in vita dal de cuius, anche simulate come vendite a titolo oneroso
Qualora l'erede agisca come legittimario a tutela della quota di riserva, proponendo domanda di riduzione di atti di trasferimento a titolo oneroso, previo accertamento della simulazione degli stessi in quanto dissimulanti donazione, il termine decennale di prescrizione dell'azione di simulazione decorre dal momento dell'apertura della successione, perché soltanto in tale ...
Recupero crediti - L'accordo a saldo stralcio non integra una transazione novativa
Spesso il debitore perfeziona con il creditore (banca, finanziaria o società di recupero crediti) un accordo transattivo a saldo stralcio che prevede un notevole abbattimento dell'importo originario dovuto (gravato dagli interessi di mora) ed un piano di rientro rateale. Capita, talvolta, che il debitore non riesca, comunque, a tener fede ...
La simulazione dell'alienazione di un immobile può integrare il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte dovute
Risponde del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, previsto dall'articolo 11 del Dlgs 74/2000, il contribuente che pone in atto la simulazione della vendita di un immobile, dopo aver ricevuto la notifica di una cartella di pagamento, non essendo sufficiente il sostenere di averlo fatto per aiutare il ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Sconfinamenti di aperture di credito e carte di credito - La Commissione di Istruttoria Veloce (CIV)
A fronte di sconfinamenti, i contratti di conto corrente, apertura di credito (fido) e carte di credito possono prevedere a carico del cliente una commissione di istruttoria veloce (CIV), quale unico costo ulteriore rispetto all'applicazione del tasso di interesse sull'ammontare dello sconfinamento concesso. La norma si applica agli sconfinamenti sia ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca