Recupero crediti richiede di scrivere a mano la domanda per la conciliazione


Ho ricevuto un contatto da un Avvocato per recupero crediti che mi ha lasciato qualche dubbio: in primo luogo inizialmente mi ha prospettato, come unica soluzione possibile, la firma di cambiali da qui a 10 anni circa, ed io, stupidamente stavo quasi per accettare.

Quando, dietro consiglio, gli ho detto che non ero disponibile alle cambiali, mi ha proposto il bonifico permanente.

Fin qui “quasi” tutto bene, anche se già questo mi sembra non estremamente corretto.

Una dettaglio che però mi impensierisce molto è la richiesta di scrivere “a mano”, di mio pugno, e di sottoscriverla, la domanda per accedere a questa forma di conciliazione del debito.

Preso dal dubbio ho scritto una mail alla società creditrice ed all’avvocato dichiarando di essere disponibile al rimborso del credito così come prospettato telefonicamente e richiedendo un contratto da firmare.

L’avvocato continua a sostenere che ciò non è sufficiente e che devo scrivere a mano la richiesta e inviarla via raccomandata.

Chiedo gentilmente un vostro parere.

A quanto ci sembra di capire la società di recupero presunta creditrice ed il sedicente avvocato chiedono un impegno scritto del debitore a saldare il debito residuo nella somma concordata ed attraverso un bonifico permanente di conto corrente.

Ora, marginalmente va osservato che il titolare del conto corrente può agevolmente disporre un bonifico periodico così come può revocarlo in un qualsiasi momento e va altresì tenuto presente che, nella realtà, il bonifico non è mai permanente, ma al massimo periodico rinnovabile (ad esempio, di due anni in due anni).

Ma ciò che più conta è che, in caso di inadempimento la società di recupero crediti potrà chiedere un decreto ingiuntivo al giudice basato sull’ammissione scritta del debitore di dovere la cifra in questione.

Il che ci fa ritenere che al momento il creditore non abbia documenti (il contratto di prestito o quant’altro) in mano per poter giustificare la richiesta di un decreto ingiuntivo in tribunale: per questo esigeva cambiali e si accontenterebbe anche della sola confessione debitoria.

Molto probabilmente la documentazione attestante la debenza è andata smarrita, come spesso accade, nel passaggio da creditore originario cedente a creditore attuale cessionario.

22 Marzo 2021 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti richiede di scrivere a mano la domanda per la conciliazione