Recupero crediti per mio zio defunto

Recentemente è venuto a mancare mio zio invalido al 100% che come unica fonte di reddito percepiva l'assegno di invalidità più accompagnamento su libretto postale. Ha anche un conto corrente in banca, in rosso solo di interessi e in più doveva pagare delle rate per un finanziamento saldato solo in parte, dove alla fine è arrivato il recupero crediti.

A questo punto non avendo beni immobili e il libretto postale vuoto, come devo muovermi? Non è ancora stata fatta la successione ma in questo caso chi deve pagare? Chi deve chiudere eventualmente i due conti? Non aveva né moglie né figli, solo 3 fratelli e un nipote che viveva con lui per occuparsene.

L'eredità e quindi i debiti (l'importo in rosso del conto corrente ed il rimborso residuo per il finanziamento erogato in vita al defunto) toccano in parti uguali ai tre fratelli superstiti (supponiamo che il nipote sia il figlio di uno di questi).

Per evitare problemi con il recupero crediti sarebbe opportuno presentare, presso il Tribunale territorialmente competente (la circoscrizione giudiziaria in cui si è verificato il decesso) istanza di rinuncia all'eredità.

Se i fratelli del de cuius non sono entrati in possesso di alcun bene di proprietà del defunto, la rinuncia all'eredità può essere presentata entro dieci anni dalla data del decesso.

Ma, una volta che sono stati formalmente interrotti i termini di prescrizione da parte del creditore (invio di una raccomandata AR ai chiamati all'eredità), conviene attivarsi per rinunciare e per far fronte, così, a qualsiasi pretesa di rimborso.

14 aprile 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione
recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Le norme su successioni ed eredità
Quando lo zio d'America passa a miglior vita, oltre a qualche lacrima si iniziano a fare i conti sull'ipotetica eredità che ci ha lasciato. Ma in Italia il tema delle successioni è molto complesso e legato a criteri antichi, adatti per regolare le società di un tempo. La normativa ruota ...
Recupero crediti » Impariamo a difenderci dalle pratiche scorrette
Le agenzie di recupero crediti, mai come oggi, utilizzano pratiche scorrette per intimorire il debitore. Ma quali sono le più comuni? E come bisogna fare per difendersi da queste scorrettezze? Vi diamo qualche dritta nel prosieguo dell'articolo. Usualmente, da una parte c'è un debitore che fatica a pagare, dall'altra un ...
Recupero crediti: ora più semplice » Per l'ufficiale giudiziario sarà possibile la consultazione dell'Anagrafe Tributaria
Novità per quanto riguarda il recupero crediti: con la riforma della giustizia, sarà dato il via libera all'interrogazione dell'Anagrafe tributaria e dei conti correnti da parte del creditore. Se le innovazioni al processo di recupero crediti saranno approvate in via definita, per i debitori si prospetteranno tempi davvero duri. Infatti, ...
I debiti del defunto si dividono subito fra i coeredi mentre i crediti vanno in comunione - Strano, ma vero
I crediti del defunto, a differenza dei debiti, non si dividono automaticamente, ma entrano a far parte della comunione ereditaria; ciò in quanto il codice civile, che prevede il principio tradizionale della ripartizione automatica tra coeredi, si riferirebbe unicamente ai debiti ereditari. In pratica, un coerede può pagare il creditore ...
Recupero crediti epistolare scorretto – un altro esempio
La sempre crescente difficoltà di recuperare i crediti da parte dei services di recupero, porta alla necessità da parte loro di inventarsi metodi di recupero vieppiù "fantasiosi". Questo ne è l'ultimo esempio. Un avviso recapitato a mezzo corriere, e che lascia intendere di avere a che fare ad un problema ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca