Recupero crediti INPS su pensione e nuove tutele di impignorabilità del minimo vitale

Argomenti correlati: ,

Sono un pensionato INPS con pensione di circa 579 euro al mese e un debito di alcune migliaia di euro con l’INPS. Da 5 anni mi vengono decurtati 97 euro direttamente dall’INPS prima di erogarmi la pensione per “recupero crediti”.

Mi chiedo: con l’entrata in vigore del nuovo art. 545 c.p.c. (i nuovi limiti di pignorabilità della pensione), questa pratica continua a rimanere legale? Navigando su internet molti parlano di trattamento minimo, altri di assegno sociale. Questa trattenuta è un pignoramento?

Probabilmente nel suo caso non si tratta del pignoramento della pensione presso l’INPS da parte di un creditore, ma del recupero di indebiti pensionistici che sono escutibili direttamante dall’Istituto di previdenza senza passare per il giudice.

In ogni caso, anche se si fosse trattato di un pignoramento giudiziale presso terzi, lei non avrebbe, purtroppo, potuto invocare le nuove disposizioni sull’impignorabilità del minimo vitale previste dall’articolo 545 del codice di procedura civile (così come modificato dalla legge 83/15 – articolo 13), in quanto tali norme non sono retroattive. In ogni caso il pignoramento avrebbe avuto luogo sul minimo vitale considerato pari alla misura massima dell’assegno sociale (ma non aumentato della metà).

Peraltro, una risposta in tal senso le era stata già fornita qui.

P.S. In seguito a sentenza della Corte di Cassazione si legga questo aggiornamento.

9 Gennaio 2016 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero credito INPS - trattenuta su pensione e minimo vitale in base a decreto legge 83/15
Sono titolare di pensione di 578 euro al mese (al di sotto dei 672 pari all'assegno sociale aumentato della metà) e nonostante ciò l'INPS continua da anni a trattenere 97€ al mese per recupero crediti. Lo può fare? Non è impignorabile la mia pensione? Come posso tutelarmi? ...

Il decreto legge che introduce l'impignorabilità del minimo vitale per la pensione è retroattivo?
Mio padre percepisce una pensione netta di circa 2000 EUR dalla quale viene pignorato dal 2014 esattamente 1/5 da una banca. Mia madre percepisce un pignoramento di 1/5 sul suo stipendio di 1300 euro dal 2014. La mia questione e´semplice, il nuovo ultimo comma del 545 c.p.c prevede "Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto ...

Pignoramento pensione Enasarco da parte di Equitalia - Vale sempre l'impignorabilità del minimo vitale?
Ho ricevuto un atto di pignoramento prezzo terzi da parte di Equitalia nei confronti di Enasarco che mi eroga la mia (povera) pensione di 38€ mensili. Sul provvedimento c'è scritto che in caso di pensione sotto i 2.500 €, il massimo pignorabile è un decimo. Questa pensione viene accreditata ogni due mesi tramite bonifico bancario. La mia domanda è: si applica anche ai pignoramenti eseguiti da Equitalia con la riscossione esattoriale i limiti previsti dall'art. 545 commi 6 e 7 (quindi l'impignorabilità fino all'assegno sociale aumentato della metà)? Che consigli avete in questo caso specifico? Devo contattare Enasarco? O Enasarco ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti INPS su pensione e nuove tutele di impignorabilità del minimo vitale