Recupero di un credito di diecimila euro

Ieri ho ricevuto una lettera da una società di recupero crediti per un importo di 10 mila euro.

Non sono proprietaria di alcun bene materiale ho solo una macchina ma cointestata con mia madre quindi non totalmente mia.

Fino a settembre 2014 ero titolare di un edicola ma che ho dovuto chiudere per problemi di soldi. Attualmente non ho un lavoro. Sono sposata, ma in regime di separazione dei beni.

Cosa rischio? Io soldi veramente non ne ho come mi devo comportare con la finanziaria?

Qualora la contattino al telefono, basterà semplicemente riferire che non è in grado di pagare il debito, anche a rate e/o anche con importo scontato.

Ricordando all'interlocutore che, in caso del persistere di contatti via telefono o attraverso visite domiciliari non concordate, provvederà a sporgere denuncia per molestie all'Autorità giudiziaria.

2 febbraio 2015 · Rosaria Proietti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a cinquemila euro
Compensazione forzata: la Pubblica Amministrazione (PA), in debito per importi superiori a 5 mila euro, prima di pagare, deve interrogare Equitalia. I soggetti pubblici, ovvero le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a 5.000 euro, devono procedere alla verifica di ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...
Credito al consumo e inadempimento del venditore - Il consumatore ha diritto alla risoluzione del contratto di credito anche se non c'è rapporto di esclusiva fra creditore e fornitore del bene
La Corte di Giustizia, con la sentenza del 23 aprile 2009 (emessa nella causa C-509/07) ha stabilito che l'esistenza di una clausola di esclusiva tra fornitore del bene e finanziatore, non è presupposto necessario del diritto del consumatore di procedere contro il creditore in caso di inadempimento delle obbligazioni da ...
Credito al consumo – inadempimento del venditore
Nel caso di contratto di credito al consumo legato ad acquisti di beni o servizi può capitare di avere a che fare con situazioni sgradevoli legate all'inadempimento del venditore mentre magari si è già iniziato a pagare le rate del finanziamento. E' bene chiarire che in questi casi non è ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca