Recupero crediti costituzione in mora fatture telecom italia

La società Maran mi ha inviato, a mezzo posta ordinaria, una comunicazione di costituzione in mora per un importo (280 euro), vantato da Telecom Italia SpA, per fatture non pagate e mi ha concesso 7 giorni di tempo per procedere al pagamento.

Stamane sono stata contattata da una consulente che con tono aggressivo mi ha imposto il pagamento, ho fatto una proposta di saldo a stralcio che mi ha subito rifiutata asserendo che non prevedono tale modalità di pagamento in quanto è la società cedente che deve autorizzare tale estinzione, mi ha proposto un rientro rateale.

A questo punto ho chiesto che il piano di rientro mi venisse definito per iscritto ma si è rifiutata. Oltre al successivo stalking che effettueranno, se non provvedo ad effettuare i pagamenti, cosa rischio? (l’utenza è intestata a mio padre ma mi sono sempre occupata io della linea telefonica).

Come continueremo a ripetere fino allo sfinimento, quando il creditore decide di rivolgersi al giudice per obbligare il debitore al rimborso delle presunte somme vantate a credito, deve prima notificare formalmente la richiesta al debitore, almeno con una raccomandata a/r: è impensabile, infatti, presentarsi dal giudice senza un attestato che certifichi la volontà del debitore di non pagare, una volta messo (sicuramente) a conoscenza della pretesa creditoria.

Ora, se lo scopo è quello di adire la via giudiziale, una comunicazione inviata a mezzo posta ordinaria non ha alcun valore legale di notifica al debitore della pretesa, e non mette in mora nessuno. Si tratta, quindi, di una semplice comunicazione di contatto, condita con un tentativo, trito e ritrito ormai, di intimidazione.

Non è escluso che la Maran decida successivamente di procedere per vie giudiziali (cosa a cui, personalmente, io non credo, atteso il valore del contenzioso ed il fatto che non c’è stata nemmeno l’intenzione di spendere i pochi soldi necessari a fare una raccomandata a/r), ma, ad oggi, la situazione è identica a quella preesistente al momento in cui lei non aveva ancora ricevuto la gradita lettera.

Se vuole ancora divertirsi un po’ con i signori addetti alla phone collection della Maran (altro che stalking, lei dovrebbe pagare solo per il passatempo che le offrono) provi a chiedere le copie delle fatture insolute e/o la copia conforme del conferimento a Maran, da parte di Telecom, dell’incarico di recupero del credito vantano nei confronti di suo padre.

Capisco che questo è un mondo approssimativo, ormai, ma, diamine, un debitore prima di pagare ha, oppure no, il diritto di rendersi conto di cosa deve pagare (le fatture insolute); ha, oppure no, il diritto di essere sicuro di pagare l’eventuale importo, che riconosce dovuto, al creditore legittimo (Telecom, Maran o Pinco Pallino)?

Per finire, nel mondo reale del recupero crediti che presumiamo di conoscere almeno un pochino, con la situazione di crisi conclamata a cui ci hanno abbandonato i politicanti di ieri e di oggi, trovare un debitore che paghi dieci euro al mese per un debito di 280 euro, è grasso che cola. Evidentemente, la Maran opera su Marte …

13 Settembre 2014 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti dal blog

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti costituzione in mora fatture telecom italia