Recupero crediti contratto a tempo indeterminato

A Gennaio 2010 ho cambiato lavoro, lasciando un posto nel quale ero contrattualizzato con un CCNL Metalmeccanico V livello, a tempo indeterminato.
Ho lavorato in quel posto per 1 anno, dove periodicamente ho ricevuto pagamenti parziali del mio stipendio, con il proposito che mi avrebbero restituito il mancante appena ci fosse stata disponibilità. Ad oggi (21 mesi di distanza) mi mancano 800 euro da busta paga e circa 900 per un lavoro fatto dopo che mi hanno “costretto” a fare per mantenere buoni i rapporti. Questo lavoro purtroppo non è stato formalizzato (anche se ci sono numerose email tra me e il mio datore sull’andamento e la conclusione, con paga pattuita, sul lavoro). Ho paura che intraprendendo le vie legali non potrò recuperarlo. La mia domanda è..con 21 mesi di ritardo, potrei chiedere un risarcimento per non aver ancora recuperato le 800 euro da busta paga? Se sì come è quantificabile? Mi aiuterebbe a rinunciare più volentieri al lavoro non formalizzato fatto dopo.

Risarcimento non credo proprio, si parla di interessi legali, rivalutazione monetaria per ritardato pagamento… Dai un’occhiata al Decreto 1 settembre 1998, n. 352.

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto di lavoro a tempo determinato mai firmato - Si trasforma in contratto di lavoro a tempo indeterminato?
In data 12 dicembre con modello Unilav (come risulta dai dati Inps) l'azienda privata settore vigilanza armata, presso cui ho iniziato a lavorare, a tempo determinato mi ha assunto fino al 13 marzo 2018, cioé 3 mesi (sempre fonte Inps). Tuttavia non mi ha mai fatto firmare a tutt'oggi il contratto di lavoro, nè mi ha mai sottoposto o inviato la c.d. lettera di assunzione. Ho sentito dire che in questo caso il contratto si trasforma automaticamente in INDETERMINATO, e, nel caso di licenziamento per giusta causa, spetterebbe al datore di lavoro, corrispondere il c.d. mancato preavviso. Detto questo vi ...

Liquidazione TFS/TFR per dipendente pubblico quando si sono susseguiti un periodo di contratto di lavoro a tempo determinato ed uno a tempo indeterminato
Mia sorella ha iniziato a lavorare a tempo determinato presso il Ministero della Giustizia dal 1973 al 28/2/1979. Dall'1/3/1979 è passata a tempo indeterminato fino al giorno 25/9/2019 (giorno in cui è deceduta). A noi 3 fratelli unici beneficiari rimasti il Ministero della Giustizia di Napoli ci ha fatto compilare tutti i documenti previsti ai fini della liquidazione. A Febbraio 2020 essendo io il più grande dei fratelli il Ministero della Giustizia mi ha inviato i documenti relativi all'ultimo importo lordo percepito nell'anno da 1/1/2019 fino al giorno del decesso 25/9/2019. Nel documento ai fini dei periodi valutabili ...

Mancata conversione del contratto di lavoro a tempo indeterminato - Può essere eccepita a distanza di anni
Il lavoratore che voglia contestare l'illegittimità di un contratto a termine, per violazione delle disposizioni che individuano le ipotesi in cui è dovuta l'assunzione a tempo determinato, e che sia interessato alla eventuale conversione ex-lege del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, può agire in giudizio anche dopo anni di inerzia, purchè emerga chiaramente che non vi sia stata una esplicita risoluzione del rapporto di lavoro per mutuo consenso. Nel rapporto di lavoro a tempo determinato, infatti, la mera inerzia del lavoratore dopo la scadenza del contratto a termine è di per sé insufficiente a ritenere sussistente una risoluzione del ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti contratto a tempo indeterminato